Ancona: Falconara: I Carabinieri fermano l'auto pensando sia rubata, trovano 5 kg di hashish nel cofano

2' di lettura Senigallia 23/02/2020 - Nella notte tra venerdì e sabato, una pattuglia di carabinieri in borghese intercettava un’Audi A4 di colore bianco, del tutto simile per modello e colore alla vettura rubata nella notte tra il 29 ed il 30 gennaio scorso a Montemarciano, ai danni di un professionista 48enne originario di Jesi

Contatta la centrale i carabinieri in borghese chiedevano il supporto un’ulteriore pattuglia in divisa, che in poco tempo raggiungeva e costringeva l’auto ad arrestare la marcia all’interno di una stazione di servizio dell’autostrada A14, in direzione sud, poco dopo il casello di Falconara Marittima (Ancona-Nord / Jesi). Nonostante una targa diversa e i dati confermati dal libretto dalla macchina i Carabinieri non erano persuasi dalla situazione, forse constatando anche un certo nervosismo da parte del soggetto fermato, decidendo quindi di visionare il numero di telaio, che in quel modello di macchina è situato sotto il cofano anteriore. Alla richiesta di aprire il vano motore il sospetto, ormai vista sfumare la possibilità di farla franca, avvertiva lui stesso i militari mugugnando con aria affranta: “Troverete solo un po' di fumo”.

Occorreva solo un attimo ai carabinieri per capire a cosa si riferisse il marocchino 40enne: aperto il vano infatti un acre aroma di fumo, così intenso da far lacrimare gli occhi dei militari increduli si levava dal motore della macchina, che scaldandosi aveva perfino accentuato l'intensità della sostanza illegale. Dal motore dell'auto venivano recuperati 5 panetti di 1 kg ciascuno, già confezionati e pronti per lo spaccio.

Sono quindi scattate le manette per il giovane marocchino 40enne pregiudicato, operaio presso i cantieri navali e residente a Collemarino di Ancona. Sequestrati ben 5 chili di hashish suddivisi in una cinquantina di panetti da un etto ciascuno. Inoltre, nel corso dei successivi accertamenti, presso l’indirizzo di residenza è stato anche rinvenuto un esiguo quantitativo di altra sostanza stupefacente, circa 10 grammi tra hashish e marijuana, verosimilmente detenuta per il semplice uso personale; sempre presso l’abitazione, all’interno di una cassaforte a muro, sono stati anche recuperati, e posti sotto sequestro, contanti per un valore di € 2.500,00, ritenuti provento dell’attività illecita.

Incredibilmente il pusher era scampato solo poche ore prima ad un precedente controllo dei Carabinieri di Pesaro, anche loro allertati dal modello dell’autovettura ed insospettiti dal comportamento tenuto dal guidatore al momento del fermo. Su eventuali sviluppi indagherà la Tenenza di Falconara per individuare altri soggetti possibilmente coinvolti nell'attività di narcotraffico.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 23-02-2020 alle 19:12 sul giornale del 24 febbraio 2020 - 1693 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgDW





logoEV
logoEV