statistiche accessi

x

Celebrato in Sinagoga il Giorno della Memoria

shoah|giorno della memoria|olocausto| 2' di lettura Senigallia 30/01/2020 - Per il Giorno della Memoria nella Sinagoga di Senigallia c'è stata tantissima partecipazione. Le parole e i pensieri rivolti alle persone sterminate nella Shoah le hanno fatte sentire vicine, hanno fatto riflettere sulla individualità violata, hanno rammentato il valore e l'unicità di ogni vita umana.

"Non gli ho detto arrivederci" è il titolo dell'intervento musicale che si richiama ad un libro di Claudine Vegh con le testimonianze di chi ha perso i genitori sterminati nei Lager; sono bambini, tutti orfani ebrei, i cui genitori sono morti nei campi di sterminio. Trentacinque anni dopo sono riusciti a parlarne. L'intervento musicale è stato un vero e proprio concerto, diretto da Paola Pancotti con la partecipazione di bravissimi musicisti: Lorenzo Giambartolomei, violino, Daniele Streccioni, fisarmonica,Giovanni Spinozzi e Andrea Massaccesi, chitarra, Vittorio Farinelli e Paola Pancotti, flauto traverso,Roberto Mori, percussione.

I ragazzi che hanno cantato nel coro e interpretato letture hanno commosso tutti e il pubblico ha percepito con grande emozione come tante storie familiari e tanti affetti siano stati sconvolti improvvisamente e violentemente interrompendo la vita quotidiana, affetti e speranze di quei bambini di allora. La musica e le letture hanno affascinato il pubblico con canti di gioia alternati al ricordo di strappi, sofferenze, dolore, come nella toccante interpretazione di Gam Gam che riprende un versetto del Salmo 23: "Anche se andassi/nella valle oscura/non temerei alcun male,/perché Tu sei sempre con me;/Perché Tu sei il mio bastone, il mio supporto,/Con Te io mi sento tranquillo". Lunghi e caldi applausi sono stati rivolti agli interpreti della lettura-concerto. Infine la chiusura con la lettura del Salmo 121: "Cantico dei gradini".
La partecipazione di tante componenti della città, del Sindaco, del Vescovo, di rappresentanti delle Istituzioni ha testimoniato capacità di dialogo e unità.

In esposizione nell’atrio della Sinagoga sette fotografie scattate nel Campo di Bergen-Belsen, gentilmente concesse dall’Archivio Serge Plantureux e Scuola di perizie e investigazioni fotografiche– Senigallia.

L'appuntamento in Sinagoga fa parte di un programma articolato e denso, patrocinato dal Comune di Senigallia, con una mostra e riflessioni profonde sulla figura di Etty Hillesum, giovane scrittrice ebrea uccisa ad Auschwitz, e mostre su quel campo di sterminio. Per l'intero programma hanno collaborato: Comune di Senigallia, Diocesi di Senigallia, Centro culturale "Simona Romagnoli", Azione Cattolica di Senigallia, Fondazione Gabbiano, Comunità Ebraica di Ancona, Scuola di musica ‘B. Padovano’, Corso "Il sapore della musica", Circolo La Marina Pro Cesano, Scuola elementare Cesano, Pro Loco Spiaggia di Velluto, Associazione culturale Bellanca.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2020 alle 09:47 sul giornale del 31 gennaio 2020 - 361 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, giorno della memoria, shoah, senigallia, olocausto, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/bfGi





logoEV
logoEV
logoEV