Lite in strada: si aprono le porte del carcere per il 30enne

1' di lettura Senigallia 22/01/2020 - È finito in carcere il trentenne che martedì pomeriggio era stato arrestato dopo una lite in strada con la fidanzata. I due in preda ai fumi dell'alcool si erano prima insultati in strada per poi venire alle mani in via delle Viole.

Sul posto erano giunti il 118, la Polizia e i Vigili Urbani, allertati da alcuni passanti che avevano assistito alla scena. L'uomo D. B. è stato condotto in udienza avanti al giudice che ha convalidato l'arresto.

Considerata la gravità della condotta ed i numerosi precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, il giudice ha applicato la misura della custodia cautelare in carcere ed è stato dunque condotto a Montacuto. Inoltre il Questore di Ancona ha emesso il provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Senigallia per tre anni.

La donna era stata portata al Pronto Soccorso dell'ospedale cittadino per poi essere denunciata per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. I due giovani, lei senigalliese, lui originario del maceratese sono già noti alle forze dell'ordine perché assuntori di stupefacenti, e poco prima della lite in strada erano stati allontanati da un bar perché visibilmente ubriachi.






Questo è un articolo pubblicato il 22-01-2020 alle 12:38 sul giornale del 23 gennaio 2020 - 5250 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bflu





logoEV
logoEV