x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Una nuova mostra su Mario Giacomelli e i suoi contemporanei: l'inaugurazione a febbraio

2' di lettura
4354

di Giulia Mancinelli
senigallia@vivere.it


Il nuovo anno apre con l'annuncio di una nuova stagione dedicata a Senigallia Città della Fotografia. La Giunta ha approvato il progetto per la realizzazione di una nuova mostra che sarà dedicata, non a caso, al maestro della fotografia senigalliese, Mario Giacomelli.

Si chiamerà “Sguardi di Novecento, Giacomelli e il suo tempo” e sarà il nuovo allestimento organizzato dal Comune di Senigallia in collaborazione con la ditta ONO s.n.c. di Bologna e si terrà negli spazi espositivi di Palazzo del Duca e di Palazzetto Baviera dal 20 febbraio al 5 luglio. Un evento che prosegue sul filone delle iniziative promosse dal riconoscimento, avvenuto da parte della Regione Marche, di “Senigallia Città della Fotografia”, che punta “non solo ad un arricchimento culturale, ma anche ad un aumento del turismo legato a questa arte, soprattutto con un carattere internazionale”.

Negli ultimi anni il Comune ha avviato una serie di importati eventi espositivi legati al tema della fotografia come nel caso della mostra Giacomelli, Ferroni e Salvalai aperta dal 25 novembre 2017 al 31 gennaio 2018 e poi Robert Doisneau- Le temps retrouvé dal 29 marzo al 2 settembre 2018, e Alexander Rodchenko. Revolution in photography dal 25 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019, e poi “Cavalli Ferroni Giacomelli. Scatti inediti dagli archivi di Senigallia e Piccoli tesori dell’800. Marubbi, Naretti, Callotipi, Daguerrotipi e variazioni a Palazzetto Baviera. Nella nuova mostra, che prevede una spesa da parte del comune di circa 53 mila euro, si potranno ammirare, secondo le prime indiscrezioni, oltre ad alcuni dei più celebri scatti di Giacomelli anche quelli di alcuni grandi fotografi suoi contemporanei quali Robert Doisneau, Gianni Berengo Gardin, Henri Cartier-Bresson, Doisneau, Kikuji Kawada, Jacques Henri Lartigue, Herbert List, Nino Migliori, Paolo Monti, Leo Matiz, Ara Guler, Brassaï.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-01-2020 alle 19:22 sul giornale del 10 gennaio 2020 - 4354 letture