Anpi contro l'occupazione neofascista di spazi pubblici

anpi 2' di lettura Senigallia 04/12/2019 - In questi giorni apprendiamo che venerdì 6 dicembre, presso l’auditorium comunale di San Rocco, si terrà un evento promozionale organizzato dalla casa editrice Ferro Gallico. In questa occasione, politici della destra locale – che tanto aspirano al governo della nostra città democratica e antifascista - siederanno fianco a fianco a noti esponenti di Primato Nazionale, formazione che, come la casa editrice Ferro Gallico, è riconducibile a Casa Pound, organizzazione i cui membri non esitano a definirsi «fascisti del terzo millennio».

L’ANPI, i democratici e gli antifascisti di Senigallia non possono che stigmatizzare la concessione di spazi pubblici a formazioni di matrice neofascista, spazi appartenenti all’intera collettività democratica di Senigallia, comunità risorta dalla lotta partigiana di Liberazione e dal sacrificio di quanti diedero la vita per quei valori di libertà e giustizia negati e calpestati da quel regime liberticida che taluni cercano di riabilitare e giustificare, sotto gli occhi della locale destra “democratica”, forse cieca, ma molto interessata.

A questo proposito, vogliamo sottolineare che questo spazio pubblico è stato richiesto, gratuitamente, dal consigliere Davide Da Ros per conto del gruppo consigliare di Fratelli d’Italia, il quale è “esentato” dal fornire una dichiarazione di antifascismo per l’utilizzo di locali comunali (poiché si suppone che consiglieri democraticamente eletti si riconoscano pienamente nei valori antifascisti della nostra Costituzione), come invece è richiesto ai cittadini dal regolamento comunale approvato su proposta dell’ANPI di Senigallia. Sicuri del profondo antifascismo di colui che ha definito i partigiani «persone vigliacche che trucidavano i bambini», siamo certi che gli esponenti della destra senigalliese che siederanno accanto a neofascisti e nostalgici non esiteranno a richiedere ai relatori dell’evento una chiara presa di posizione contro il fascismo, i suoi crimini e i suoi orrori e che ricorderanno ai camerati presenti che è proprio grazie ai valori democratici difesi dai partigiani se oggi possono godere di queste libertà.

Preoccupati di come i rigurgiti neofascisti siano sempre più numerosi, sottovalutati e tollerati dalle istituzioni democratiche locali e nazionali, l’ANPI chiede all’Amministrazione comunale, alle formazioni politiche antifasciste e a tutte le cittadine e i cittadini che si riconoscono nei valori democratici e antifascisti della Costituzione repubblicana di tenere alta la guardia contro queste manifestazioni organizzate da formazioni nostalgiche di un tempo che non vorremo tornasse mai più.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-12-2019 alle 19:13 sul giornale del 05 dicembre 2019 - 1329 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, anpi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bdFh





logoEV
logoEV