contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

"Nonostante la scuola": incontro con Goffredo Fofi, organizzato dalla rivista “Malamente”

1' di lettura
642

da Organizzatori


Cambiare scuola o cambiare la scuola? Questa la domanda al centro dell’iniziativa, promossa dalla rivista Malamente che si tiene giovedì 28 novembre alle ore 17,30 presso la sala dibattito del Palazzetto Baviera, un incontro coordinato dalla redazione della rivista al quale parteciperà Goffredo Fofi (scrittore, giornalista e direttore dalla rivista Gli Asini).

E' fortissimo il rischio di una drastica perdita di memoria, dignità e libertà nella società italiana, il campo della cultura si è ridotto a un mercato con funzioni di pacificazione sociale. E' possibile allora ripartire dal basso, dalla pratica quotidiana dell'educazione, della formazione e dalla produzione di cultura alternativa per produrre un cambiamento radicale? Scuola e cultura da tempo sono ostaggi della logica di mercato che ormai pervade ogni ambito della nostra vita pubblica e privata.

In particolare il settore educativo è appiattito su una linea “aziendalista”, in base al quale non si tratta di far crescere persone con senso critico, autonome intellettualmente, ma soggetti assuefatti all’individualismo, alla competitività sfrenata, al mito del “successo”, e al darwinismo sociale. L’iniziativa di Malamente vuole riflettere su tutto questo, delineando anche una via di uscita, oggi indicata dalle numerose esperienze presenti nel campo educativo e nel impegno sociale di base.

Goffredo Fofi, è saggista, attivista, giornalista, critico cinematografico, letterario e teatrale italiano. Attualmente dirige la rivista “Gli asini”. Recentemente è uscito il suo pamphlet "L'oppio del popolo" (Eleuthera 2019), un j’acuse nei confronti del mondo della cultura e della politica. La rivista Malamente è in trimestrale di critica radicale prodotto da tre anni a questa parte nelle Marche da un collettivo redazionale indipendente.

In allegato la locandina.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2019 alle 10:49 sul giornale del 26 novembre 2019 - 642 letture