contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

La Festa di Santa Cecilia, patrona della musica, alla Fondazione Città di Senigallia

1' di lettura
1049

da Fondazione Città di Senigallia
www.fondazionecittadisenigallia.it


Ogni anno, Il 22 novembre, si festeggia Santa Cecilia, patrona della musica, degli strumentisti e dei cantanti. C'è una piacevole tradizione, nella struttura sanitaria della Fondazione Città di Senigallia, che riusciamo a rispettare grazie alla preziosa disponibilità degli amici della Banda Musicale Città di Senigallia.

La banda al completo viene a trovare gli ospiti della struttura e sulle armoniose note dei grandi classici, allieta tutti con un pomeriggio dedicato alla musica. Questa piccola tradizione è molto significativa per motivi diversi. Il primo è senz'altro legato all'intrattenimento e alla possibilità di far vivere un momento di gioia agli ospiti della struttura. Molti di loro ricordano, e a volte ripercorrono tenendo il ritmo, le note delle canzoni suonate.

Un altro motivo è quello della comunità. Appuntamenti come questo ci permettono di tenere in collegamento la piccola comunità della struttura sanitaria con quella più grande fatta dai cittadini che vivono a Senigallia e che così, di volta in volta, possono conoscere e confrontarsi con realtà come quella della Fondazione. Il terzo motivo è quello della rete: la collaborazione con soggetti come la Banda Musicale permette alla Fondazione Città di Senigallia di costruire collaborazioni che possono portare alla realizzazione di attività come questa ma anche a progetti di più ampio respiro in un campo, come quello della musica, in cui la Fondazione è attiva e vivace promotrice di iniziative (come con le attività della Scuola di Musica Bettino Padovano).

Quello di sabato scorso (la festa è stata anticipata di qualche giorno per motivi logistici) è stato un pomeriggio piacevole sia per il divertimento che per il clima che si è potuto respirare.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2019 alle 16:04 sul giornale del 21 novembre 2019 - 1049 letture