Ruoli dirigenziali di nomina di giunta, Zaffiri (Lega): “Fermare sul nascere ogni tentativo di radicare il sistema di potere per il futuro”

sandro zaffiri 1' di lettura Senigallia 15/11/2019 - “La fresca nomina del dirigente del Servizio Attività produttive della Giunta regionale è un campanello d’allarme sul probabile avvio della campagna di occupazione scientifica dei posti di potere in un’ottica futura”.

Non usa giri di parole il capogruppo della Lega in Consiglio regionale Sandro Zaffiri per porre l’attenzione sulle procedure di nomina dei dirigenti in scadenza da parte della Giunta regionale.

“La scadenza, quella vera, quella che più preoccupa il Presidente Ceriscioli – afferma Zaffiri – è la sua. E’ probabilmente per questo motivo e per i tanti dubbi circa la sua riconferma che ha iniziato a colorare alcune caselline, partendo con la nomina di questo dirigente, della cui professionalità siamo certi, ma che non appartiene ai ruoli interni e rimarrà in carica fino ad ottobre 2022”.

Fin qui tutto bene, perché le norme sono state pienamente rispettate? Forse. Ma continuo a ritenere che si tratta di scelte di opportunità. E’ per questo motivo che per quel che riguarda le nomine dei direttori di Area Vasta e degli altri dirigenti della Sanità sarebbe il caso di non procedere a rinnovi frettolosi, solo per avere un posizionamento nella undicesima legislatura regionale, rimandando ogni scelta al futuro esecutivo regionale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2019 alle 19:26 sul giornale del 16 novembre 2019 - 474 letture

In questo articolo si parla di politica, marche, lega nord marche, lega nord

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcSj





logoEV
logoEV