In campo dopo la sosta per le nazionali: Milan - Lecce sotto la lente d'ingrandimento, inizia l'avventura di Stefano Pioli

3' di lettura Senigallia 22/10/2019 - Archiviata la sosta per le Nazionali, si torna in campo per proseguire la corsa in campionato. Domenica 20 ottobre alle 20:45, a ''San Siro'' andrà in scena Milan-Lecce.

Pur non essendo una ''partita di cartello'', ha diversi motivi per la quale sarà sotto la lente d'ingrandimento. Il Diavolo nonostante la vittoria con il Genoa, deve trovare la sua identità e per farlo, la dirigenza ha deciso di cambiare direzione tecnica: fuori Marco Giampaolo - considerato da tutti gli esperti ''Il Maestro'' - e dentro il ''Normalizzatore'' Stefano Pioli.

Una scelta, quella di Paolo Maldini e Zvonimir Boban che ha lasciato - tanto per usare un eufemismo- perplessi i tifosi rossoneri. Comunque sia, visti i risultati ottenuti sin qui (sei punti in sette giornate), serviva un vero e proprio cambio di direzione.

DA GIAMPAOLO A PIOLI - Ora la palla passa all'ex allenatore dell'Inter che, qualche giorno fa in quel di Casa Milan, si è presentato così: "Sono un allenatore molto esigente. Pretendo che i miei giocatori diano il massimo e forse in passato, a un certo punto, ho mollato a fine stagione. Non rifarò più questo errore. Le mie parole d'ordine sono idee, intensità e spregiudicatezza. Mi considero un insegnante che deve migliorare i suoi calciatori. Voglio praticare un calcio positivo che i giocatori interpretino con piacere. E devo costruire una squadra coesa e unita prima possibile".
Il neo-allenatore del Milan avrà tanto da lavorare. In primis, provare a ricostruire un gruppo che, secondo quanto visto ultimamente, è completamente stravolto dalle ''strane'' idee tattiche dell'ex Giampaolo. Inseguito, bisognerà provare a rimettere in piedi una stagione iniziata malissimo.
Da non sottovalutare il capitolo dedicato ai tifosi rossoneri: infatti, viste le contestazioni degli ultimi due turni di campionato e quelle durante il cambio della guida tecnica, sicuramente - al ritorno in campo - si presenterà un'aria poco amichevole. Giocatori e allenatore dovranno lottare, con le unghie e con i denti, per riportare entusiasmo allo stadio e non solo.

VERSO MILAN-LECCE - L'ultimo precedente tra queste due squadre risale alla stagione 2011/2012. Il Diavolo -allenato da Massimiliano Allegri - si impose per 2-0 grazie ai goal di Antonio Nocerino e Zlatan Ibrahimovic. Periodo da dimenticare per i giallorossi: infatti, Cosmi prese il posto dell'esordiente Di Francesco e cercò di far ripartire il Lecce, nonostante la società in vendita e in "autogestione". La stagione si concluse con la retrocessione e il rischio di pesanti strascichi.
Non è mai facile intuire l'andamento di una partita, ma l'Insider ci può aiutare in questo fornendoci analisi e pronostici del campionato di Serie A.

Passando al discorso formazioni, il nuovo Milan di Pioli dovrebbe scendere in campo nel seguente ordine: G. Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Theo Hernández; Kessié, Biglia, Paquetá; Suso, Piatek, Rafael Leao.
Risponderà con un 4-3-1-2 il Lecce: Gabriel; Rispoli, Rossettini, Lucioni, Calderoni; Majer, Imbula, Petriccione; Mancosu; Falco, Babacar.

NON SOLO IL MILAN E PIOLI SOTTO OSSERVAZIONE - La giornata che verrà, esattamente l'ottava di Serie A, sarà importante ai fini dei discorsi legati all'arbitraggio. Infatti, dopo le ottime interpretazioni - del direttore di gara e i suoi assistenti in campo e Var - sulle varie azioni dubbie Inter-Juventus, bisognerà proseguire su questo binario per riscattare e far dimenticare gli errori delle primissime giornate di campionato.






Questo è un articolo pubblicato il 22-10-2019 alle 17:48 sul giornale del 22 ottobre 2019 - 72 letture

In questo articolo si parla di sport, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbX0





logoEV
logoEV