L'Altra Senigallia: va in pensione il comune blocca la cessione dell'edicola ad altri. Scelta incomprensibile

2' di lettura Senigallia 28/09/2019 - Ennesima perla dell’Amministrazione Comunale che, in un momento in cui l’imprenditoria privata soffre e la disoccupazione dilaga, di fatto blocca con le proprie decisioni l’apertura di nuove attività.

Il riferimento è alla vicenda del Sig. Ivano Pierpaoli fino a poco più di un mese fa titolare dell’edicola di Largo Boito.
Ho raggiunto l’età pensionabile - dice Pierpaoli - e ho cessato l’attività per godermi la meritata pensione. Contestualmente ho cercato qualcuno che rilevasse la mia attività e fortunatamente ho trovato una persona disposta ad acquistare l’edicola e ad avviare nuovamente l’attività. La soddisfazione però è durata poco in quanto in Comune, ove mi sono recato, hanno detto che non intendono rinnovare il permesso per l’occupazione suolo pubblico dove ancora oggi, benché chiusa, c’è la mia edicola. Hanno anche detto che di qui a breve la stessa sorte capiterà anche alle altre. Ora io mi chiedo; chi mi risarcirà del mancato introito che per me costituiva una sorta di liquidazione? Si rendono conto questi signori che la mancata vendita significa anche una non entrata per l’erario che avrebbe, in caso che la cessione fosse andata a buon fine, introitato la quota di sua competenza? Relativamente alla persona che avrebbe acquistato, oggi avremmo un occupato in più e un disoccupato in meno.
E che dire poi del servizio sociale che viene a mancare; considerato che questa era l’unica edicola in zona? (Quella più vicino è anch’essa desolatamente chiusa). Forse più che di Amministrazione miope si può parlare di Amministrazione cieca!”.
Oltre il danno la beffa per il Sig. Pierpaoli che, a parte il mancato guadagno, si vedrà costretto a sborsare migliaia di euro per lo smantellamento e smaltimento della sua vecchia edicola.
Scelte incomprensibili quindi quelle dei nostri Amministratori che se da un lato danneggiano un singolo cittadino, dall’altro privano un quartiere (e soprattutto i residenti anziani che non hanno accesso ad internet) di quello che è un vero e proprio servizio sociale.

Scelta poi in controtendenza in un periodo in cui l’editoria cartacea è in grande sofferenza e si fanno campagne di sensibilizzazione affinché la gente legga di più senza considerare, da ultimo (last but not least), il mancato introito per le esangui casse comunali della tassa occupazione suolo pubblico.






Questo è un articolo pubblicato il 28-09-2019 alle 18:02 sul giornale del 30 settembre 2019 - 9118 letture

In questo articolo si parla di economia, ettore coen, articolo, L'Altra Senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ba6M

Leggi gli altri articoli della rubrica L'altra Senigallia





logoEV
logoEV
logoEV