Strage di Corinaldo: il Compro Oro, "Ero minacciato dalla banda dello spray"

discoteca di Corinaldo 1' di lettura Senigallia 20/09/2019 - È stato interrogato Andrea Balugani, il titolare del "Compro Oro" di Castelfranco Emilia, a cui la "Banda dello spray" portava i gioielli rubati da rivendere.

L'uomo si trova in carcere da agosto con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti e rapine, ma sarebbe ritenuto estraneo a quanto accaduto l'8 dicembre scorso a Corinaldo.

L'uomo ha raccontato agli inquirenti di aver conosciuto i giovani della banda circa un anno fa. All'inizio i ragazzi portavano al suo "Compro Oro" oggetti di poco valore da rivendere, provenienti probabilmente dalle famiglie. Verso la fine dell'anno le "visite" della banda sarebbero diventate più frequenti e con oggetti di maggior valore. A quel punto Balugani avrebbe iniziato ad insospettirsi e fare domande.

Così sarebbero iniziate le intimidazioni e le minacce anche tramite alcuni amici della banda. L'uomo a quel punto anche se consapevole della provenienza sospetta, spaventato, avrebbe smesso di fare domande. Agli inquirenti ha raccontato di aver scelto il "male minore", spaventato dalle minacce per sè e i suoi familiari.






Questo è un articolo pubblicato il 20-09-2019 alle 09:24 sul giornale del 21 settembre 2019 - 6841 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo, discoteca di Corinaldo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baNB





logoEV
logoEV