La polizia locale ricorda le regole per usufruire dei parchi pubblici

2' di lettura Senigallia 24/08/2019 - Vivere a contatto con il verde, ammirarne la bellezza, sembra cosa ovvia, eppure la crescita impetuosa delle città e la cementificazione hanno allontanato le persone dal contatto con la natura.

Parchi e giardini rappresentano, allora, un bene prezioso e sono una forma di cura vera e propria, che influisce sia sulla sfera fisica sia su quella psichica.

Pensiamo ai bambini: stare all’aperto è una condizione naturale, oltre che un evidente piacere. Attraverso il gioco, il movimento, il contatto diretto con gli elementi della natura, imparano a conoscere la realtà che li circonda. Anche i meno giovani hanno l’opportunità di incontrarsi e socializzare nei giardini pubblici, combattendo così la solitudine ed evitando che possano sentirsi abbandonati.

Il Comune di Senigallia, pertanto, al fine di raggiungere l’obiettivo di conservazione, valorizzazione dei parchi, dei giardini pubblici e delle aree verdi comunali e di promuoverne la fruizione da parte della collettività, nel rispetto dei beni che vi si trovano, ha imposto divieti e limitazioni (art. 22 Regolamento di Polizia Urbana e art. 18 Regolamento del verde urbano).

Nei giardini e parchi pubblici è vietato praticare giochi o attività sportive fuori dalle zone appositamente attrezzate, che possano ostacolare la sicurezza, il benessere e lo svago di chiunque utilizzi l’area verde. E’ vietato percorrere la parte riservata ai pedoni con veicoli di qualsiasi genere, camminare su spazi erbosi, quando espressamente vietato, o calpestare aiuole fiorite, cogliere fiori, tagliare erbe, danneggiare o imbrattare i giochi, gli arredi, i cestini, le recinzioni, gli impianti di irrigazione e di illuminazione e la segnaletica presente. Vietato anche gettare rifiuti fuori dagli appositi contenitori, salire sugli alberi, scuoterli o danneggiarli, utilizzare l’ attrezzatura installata dall’Amministrazione per scopi ludici, ricreativi destinati al gioco dei bambini quando si sia superato il limite d’età stabilito per l’uso degli stessi.

Non si possono utilizzare impropriamente, danneggiare e imbrattare le panchine e i tavoli. Non si possono introdurre seggiole, tavolini, panche personali. Non si può accedere ai giardini pubblici e alle aree destinate a verde pubblico con qualsiasi mezzo motorizzato anche se spinto a mano, tranne nel caso di motocarrozzette per il trasporto dei disabili. Non si può campeggiare, installare tende e pernottare.

L’uso delle aree verdi e delle loro strutture, per manifestazioni o scopi commerciali e l’affissione di avvisi e manifesti sono subordinati ad apposita autorizzazione, che deve essere rilasciata dall’Amministrazione comunale.

Le sanzioni, per chi viola le disposizioni, vanno da euro 50,00 a 500,00.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-08-2019 alle 13:55 sul giornale del 26 agosto 2019 - 1376 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a0XV





logoEV