Un lettore, "Troppi ciclisti fingono di non conoscere il codice della strada"

 bici lungo Corso 2 Giugno 2' di lettura Senigallia 16/08/2019 - Egregio Sindaco Mangialardi, mi rivolgo a lei perché ritengo che una alta percentuale di cittadini di Senigallia non conosce, o fa finta di non conoscere, la parola "Sicurezza Stradale".

In particolare mi riferisco ai veicoli biciclette, perché considerati tali dal codice della strada, che giornalmente nella sua cittadina scorrazzano giorno e notte spesso senza regole. Tali veicoli per il 95% non rispettano tale codice e sono un pericolo: circolano contromano un pericolo per loro e per gli automobilisti, circolano suo marciapiedi incuranti dei pedoni. Circolano, in modo particolare di sera, senza luci di posizione e senza giubbino ad alta visibilità.I cittadini parcheggiano selvaggiamente i loro mezzi in ogni luogo e in ogni dove spesso sui marciapiedi (vedi Fiera di S'Agostino) costringendo i pedoni a transitare tra il traffico delle auto.

Circolano pur essendo vietato nella via 2 giugno tra i passanti che devono preoccuparsi di evitarli. Ho citato soli una piccola parte delle criticità procurati da questi sedicenti ciclisti. La Polizia Locale a mio avviso è tollerante, troppo tollerante; infatti tali veicoli sfrecciano in barba al codice stradale mentre loro chiudono un occhio o forse due. Questa situazione è intollerabile e anche i ciclisti,che non sono i padroni della strada, si devono adeguare alle regole stradali,ne va della loro incolumità (anche vita) e quella degli automobilisti che se li vedono arrivare di notte con luci mancanti e in contromano questi signori.Immagino che l'ospedale spesso è pieno di questi ciclisti indisciplinati.

L'amministrazione cosa può fare per risolvere il problema?Semplice: Emanare,facendoli poi rispettare, delle regole che riprendano il codice stradale. Spesso vedo intere famiglie (come le famiglie papere) attraversare con i loro figlioletti sulle strisce pedonali in sella ai loro veicoli,trascurando però che per tale attraversamento si ha diritto di precedenza solo con biciclette portate a mano.Ritengo che sia suo dovere e della sua giunta intervenire in modo drastrico su tale fenomeno, che di certo non vi fa fare bella figura.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-08-2019 alle 10:30 sul giornale del 17 agosto 2019 - 4306 letture

In questo articolo si parla di attualità, un lettore di Vs

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a0J5