contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
comunicato stampa

Rabini (FdI) lancia un appello al centrodestra: "Tutti insieme senza personalismi per il dopo Mangialardi"

3' di lettura
1690

da Fratelli d'Italia


Dopo alcuni interventi dei vertici di Lega e Fdi di Senigallia, ha deciso di chiarire alcuni concetti in vista delle elezioni di Senigallia del prossimo anno, il Portavoce provinciale di Fdi, Lorenzo Rabini (che è anche Consigliere Provinciale).

"Mi fa molto piacere – dichiara Rabini – che attorno al tema delle elezioni comunali di Senigallia previste per il prossimo anno, ci sia già ampio dibattito, dichiarazioni ed interventi, vuol dire che il dopo Mangialardi è una questione molto sentita in città e non solo, che c'è quindi una gran voglia di parlarne, di organizzarsi, di lavorare e di trovare le alternative per un cambiamento vero delle sorti politiche di una delle municipalità più importanti di tutte le Marche.” “Ma – continua Rabini – alcune questioni vanno certamente chiarite e affrontate in anticipo con grande serietà da parte dei Partiti del centro- destra tradizionale, perchè la vittoria delle forze alternative all'attuale governo cittadino, è una grande aspirazione e la conquista di Senigallia passa solo attraverso l'inclusione, la coesione, l'unione delle forze, la sinergia tra soggetti capaci e competenti, la volontà ferrea di superare anche steccati di “rivalità personale” per prendere di ognuno le migliori caratteristiche e trascinarle in un gioco vero di squadra. Come responsabile provinciale del Partito di Giorgia Meloni, dico già da adesso che non sarà possibile per noi avere al tavolo delle trattative e delle consultazioni qualcuno che metterà magari veti su persone solo per “antipatia” o risentimenti, non sono questi gli approcci seri per vincere e per elaborare strategie di vittoria. A noi interessa che tutti i Partiti del centro destra possano schierare la miglior formazione possibile per affiancarsi alle liste civiche di Senigallia e andare al voto contando davvero su una unione dirompente.”

“Credo che sia venuto il momento – dichiara ancora Rabini – in cui a vincere davvero sia la saggezza e la maturità delle forze politiche; i casi anche ultimi in cui in particolar modo la Lega alle elezioni amministrative ha corso in proprio e spesso solo per “contarsi”, non credo che possa essere né una strategia vincente, né un modus operandi per la conquista di prestigiosi e ambiziosi traguardi. I casi quali Camerano, Monte San Vito, Osimo, Chiaravalle, Sirolo ed altri, in cui la Lega ha corso per conto proprio, spesso senza neanche eleggere un Consigliere e addirittura creando una forbice spaventosa di differenza tra la percentuale presa alle comunali (molto bassa) e quella alle Europee (molto alta) , non posso più rappresentare un valido strumento di confronto, di dialogo e di vittoria soprattutto. “

“Il prossimo anno – conclude Rabini – le elezioni di Senigallia tra l'altro coincidono con la grande battaglia politica ed elettorale delle regionali, sarebbe davvero poco serio costituire una grande collaborazione di forze politiche (Partiti e Civiche) per scardinare la sinistra al governo della Regione e poi trovarsi a Senigallia le “scorie” o le “vendette” di basso livello politico e personale. Noi come Fratelli d'Italia siamo pronti già da molto tempo a dar vita davvero ad un serio tavolo di lavoro con Partiti e Liste Civiche, non abbiamo mai fatto dichiarazioni di volontà o obbligatorietà riguardo candidati a Sindaco, crediamo invece di avere tra le nostre fila delle importanti figure con forte esperienza politica ed amministrativa, altre persone di ottimo livello culturale, sociale e professionale, ecco noi siamo pronti a mettere insieme agli altri questo nostro patrimonio per vincere a Senigallia.”



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-07-2019 alle 10:55 sul giornale del 30 luglio 2019 - 1690 letture