statistiche accessi

x

Piccole discariche abusive crescono nell'indifferenza generale

1' di lettura Senigallia 26/07/2019 - Le terre di confine, soprattutto se vicino al fiume, anche se come in questo caso appartengono ad una citta' turistica come Senigallia, sono quasi sempre terra di nessuno.

Nonostante nella cittadina si parli sempre piu' spesso di stop alla plastica, quando si forma un punto di abbandono rifiuti sul bordo della Strada della Bruciata (a pochi metri dal ponte dell'autostrada), nessuno fa nulla per rimuoverli. Passano i mesi dando il tempo ai rovi di svilupparsi sopra di essi e nel frattempo altri rifiuti alimentano la piccola discarica abusiva che tutti vedono.

Percorrendo la stessa strada a circa 1 km verso l'interno, a fianco della pioppeta della foce del fiume Cesano, dove non di rado si vedono famiglie intente a godersi un pic nic in mezzo alla natura, un'altra discarica abusiva si sta alimentando giorno per giorno ferendo l'ambiente ed il paesaggio, il degrado avanza e tutti facciamo finta di nulla. Ma in questi casi, ci domandiamo... Quando scattera' l'azione di ripulitura? Cosa dobbiamo aspettare? Purtroppo le persone si abituano a tutto, e un piccola discarica abusiva accettata, ne crea altre, perche' se non viene mai rimossa, significa che e' un degrado accettato da tutti.

Sauro Bigelli e Annamaria Mori








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-07-2019 alle 15:31 sul giornale del 27 luglio 2019 - 1031 letture

In questo articolo si parla di attualità, un lettore di Vs

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/a96Z





logoEV
logoEV
logoEV