contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > SPORT
articolo

L’esempio e la forza di Michele Marinelli

2' di lettura
5607

di Edoardo Diamantini 
www.vivere.it


Proseguono i nostri incontri con i protagonisti dell’attività sportiva locale. In questa occasione abbiamo incontrato Michele Marinelli, giovane nuotatore paralimpico, che ha trasformato il peggiore episodio della sua vita in un elemento di forza e di coraggio.

Vivere Senigallia (Edoardo Diamantini): Quando e come nasce la tua passione per il nuoto?

Michele Marinelli: È nato tutto per gioco: iniziai la disciplina come riabilitazione post incidente (dopo un anno di inattività), poi Marta (Mencarelli, la sua istruttrice N.d.R.), mi ha chiesto se me la sentivo di provare una gara, e da lì mi sono dato al nuoto a livello agonistico.

Vivere Senigallia: Hai ottenuto ottimi risultati a livello nazionale: quanta la soddisfazione? Quanti i sacrifici per raggiungerli?

Michele Marinelli: A distanza di un anno, alla mia prima volta in un campionato italiano, sono riuscito ad arrivare al podio in più gare. La soddisfazione non è paragonabile a niente, vedere ripagati i molti sforzi e i tanti sacrifici fatti è un’emozione bellissima.

Vivere Senigallia: Nonostante il terribile incidente stradale che hai vissuto nel 2016, sei tornato più forte di prima: gareggi in tutta Italia distinguendoti nelle gare, mostrando non solo un’ottima abilità natatoria, ma anche una grande forza interiore: un esempio da seguire

Michele Marinelli: È stato un periodo molto difficile, ma sono stato fortunato: la mia famiglia, i miei amici e tutte le altre persone intorno a me mi hanno sempre sostenuto. In realtà, nella mia coscienza, non sento di aver fatto qualcosa di particolarmente speciale. Nel gareggiare, ma anche nel vedere, un campionato paralimpico, puoi capire che non esistono limiti per nessuno, o persone fortunate o meno, come se fossimo tutti uguali a prescindere da qualsiasi cosa svolgiamo; e per questo ribadisco, che alla fine, non sento di fare nulla di eccelso, sono semplicemente me stesso.

Vivere Senigallia: Quali le tue ambizioni per il futuro?

Michele Marinelli: Non saprei... In quello a breve termine cerco di rimettermi pienamente in forma, poi il resto si vedrà.





Questo è un articolo pubblicato il 26-07-2019 alle 00:02 sul giornale del 27 luglio 2019 - 5607 letture