x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Fratelli d'Italia: "In bicicletta per il corso, un malcostume a cui nessuno cerca di mettere un freno"

2' di lettura
4964

da Fratelli d'Italia


Persone che in sella alla bicicletta vanno e vengono lungo Corso 2 Giugno ne abbiamo a Senigallia? Si, non ci mancano, e non sono neanche poche. E’ un malcostume che va in scena da anni, pur essendoci un chiaro ed esplicito divieto, la gente fa come gli pare e nessuno, ma proprio nessuno, cerca di attenuare questo fenomeno veramente antipatico.

Tante erano le segnalazioni che i cittadini ci avevano inviato, quindi siamo andati a controllare documentando il tutto. Siamo rimasti comodamente seduti ad un bar lungo Corso 2 Giugno per 60 minuti esatti, un’ora, sabato 29 giugno dalle 9,30 alle 10,30. Davanti ai nostri occhi sono passati, in 60 minuti, 96 persone che tranquillamente andavano e venivano lungo il Corso. Giovani, meno giovani, mamme con bambini (una mamma addirittura con un bambino piccolo davanti e un altro dietro), anziani, ciclisti vestiti da “Giro d’Italia”, di tutto un po’ quindi.

96 persone in 60 secondi significa uno ogni 37 secondi e mezzo, una media impressionante che fa ben capire come il fenomeno non è sporadico, ma sistematico e in barba ad un regolamento ben preciso che appunto vieta il percorrere il Corso in sella ad una bici. Veri e propri slalom tra le persone a piedi con il rischio di prenderne qualcuno perché oltre a percorrere il Corso in sella alla bici, qualcuno va anche ad andatura bella veloce.

Chiaramente abbiamo documentato tutte e 96 le scorribande, ma ve ne mostriamo solamente alcune. Da dire c’è ben poco, perché questo è solamente uno dei tanti malcostumi ai quali nessuno cerca di mettere un freno, poi c’è quello di chi va in bici sui marciapiedi, lungomare specialmente, sotto i portici, contromano nelle vie. Purtroppo senza i dovuti controlli, e le relative sanzioni, sarà dura educare chi agisce in maniera non conforme ai regolamenti. In Italia purtroppo vige sempre la stessa regola: si aspetta di intervenire quando, purtroppo, accade qualche cosa di brutto, e molto probabilmente sarà così anche a Senigallia.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-07-2019 alle 09:41 sul giornale del 05 luglio 2019 - 4964 letture