statistiche accessi

A.L.A.: capanna e palazzina in cemento amianto, indaga l'Asur

1' di lettura Senigallia 09/06/2019 - A seguito di segnalazioni dell’ALA sulla pericolosa presenza di amianto a Senigallia, è giunto ancora una volta tempestivo l’intervento degli uffici sanitari preposti. Nel primo caso, relativamente ad una capanna in cemento amianto, ubicata a due passi dagli uffici Asur.

Una struttura con tetto di lastre in cemento amianto (stra)vecchio e ricoperto di vegetazione per non renderlo visibile. Nel secondo caso in via Raffaello Sanzio, all'altezza dell'inizio delle mura del reparto Mobile della Polizia, dove ci si trova di fronte ad un casolare chiuso con tetto in cemento amianto vecchio.

A riguardo, la risposta da parte dell’Asur Marche, Area Vasta 2, evidenzia che per “l’accessorio confinante con la pista ciclabile che costeggia il fiume Misa, parallela a via Rossini e la palazzina ubicata in via Sanzio 273, a seguito delle segnalazioni, il personale ispettivo del Servizio Ambiente e Salute, il 31 maggio scorso ha proceduto alla verifica richiesta, relazionando in merito al sindaco di Senigallia per i provvedimenti di competenza”.

Nella lettera si precisa inoltre che: “nel corso dei suddetti sopralluoghi è stata evidenziata la presenza anche di altri manufatti contenenti amianto, dandone notizia al sindaco di Senigallia per il proseguo di competenza”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-06-2019 alle 09:03 sul giornale del 10 giugno 2019 - 1054 letture

In questo articolo si parla di attualità, amianto, a.l.a.

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/a8o8





logoEV
logoEV
logoEV