Montemarciano: Caprari per "Progetto Montemarciano", "Se eletta mi dimezzerò l'indennità mensile di vicesindaco"

2' di lettura 21/05/2019 - A pochi giorni dal voto non posso più tacerlo: in queste settimane di campagna elettorale ho ricevuto tanti e diversi attacchi personali, prima ancora che politici, da non poter più fare finta di nulla. Tra questi, più di tutti mi ferisce l'idea che si possa credere che io abbia accettato la candidatura con Progetto Montemarciano (e la carica di vicesindaco, in caso di vittoria) per interesse personale, per la cosiddetta “poltrona”, o per aumentarmi lo stipendio.

Ci tengo a dire che ho già un lavoro, che per di più amo, la mia vita professionale è già ricca di soddisfazioni, non sono alla ricerca di poltrone, né tanto meno di rivalse. Inoltre, coloro che lanciano queste accuse non sanno forse a quanto ammonti l'indennità da vicensindaco nel Comune di Montemarciano, per chi, come me, nella vita è dipendente pubblico: 671,42 euro mensili.

Stanca quindi di queste provocazioni sterili e strumentali, ho deciso di rilanciare e lo dico fin da ora: in caso di vittoria, ho intenzione di rinunciare al 50% della indennità mensile che sarebbe prevista, destinando la cifra risparmiata (quasi 4mila euro su dodici mesi) ad iniziative legate alle politiche giovanili. Voglio ribadirlo: ho aderito con convinzione alla proposta politica di Progetto Montemarciano e il mio impegno sarà uno solo, a servizio cioè della mia comunità, senza ambizioni o interessi personali, con la stessa passione di sempre, per ascoltare le persone e cercare le soluzioni migliori per il bene della mia comunità, con competenza ed esperienza.

Stare in mezzo alla gente è la linea politica a cui ho sempre aderito, perché ciò che conta davvero non è tanto l’appartenenza ad uno schieramento, ma la coerenza tra il dire e il fare, tra i principi e gli ideali che si professano e il modo in cui li si mette in pratica, sempre. Quando si sta dalla parte delle persone si sta sempre dalla parte giusta. A Montemarciano c'è bisogno che gli amministratori recuperino il rapporto quotidiano e costante con i cittadini, una necessità che insieme al candidato Sindaco Maurizio Grilli e ai sedici candidati consiglieri della lista abbiamo scelto come priorità assoluta.

La mia scelta di dimezzare l'eventuale indennità da vicensindaco non è quindi populismo, ma la testimonianza concreta che una buona politica inizia anche da scelte fatte dalle singole persone. Sgombrato quindi il campo da certe illazioni, spero che si possa tornare a parlare di idee, programmi e problemi concreti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-05-2019 alle 11:26 sul giornale del 22 maggio 2019 - 1946 letture

In questo articolo si parla di montemarciano, politica, Progetto Montemarciano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7IK