Cina: violenta esplosione all'impianto chimico, oltre 60 vittime

Senigallia 23/03/2019 - Una violentissima esplosione si è verificata in Cina, in un impianto chimico. Lo scoppio ha ucciso almeno 62 persone e ne hanno ferito oltre 600, di cui 90 sono in gravi condizioni. L’incidente ha distrutto l'impianto chimico della Tianjiayi Chemical a Yancheng, nella provincia orientale del Jiangsu.

Solo 26 delle vittime sono state al momento identificate. Evacuati anche mille residenti in via precauzionale. Si indaga sulle cause della tragedia con la deflagrazione che ha provocato un shock sismico di magnitudo 2.2 e ha fatto infrangere le finestre di edifici fino a 6 chilometri di distanza.

Impegnati sul posto 192 autopompe, 930 vigili del fuoco che hanno lavorato per circa 12 ore. Intanto sono stati arrestati diversi manager dell’impianto esploso.

L'impianto chimico produceva pesticidi.






Questo è un articolo pubblicato il 23-03-2019 alle 11:38 sul giornale del 25 marzo 2019 - 724 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5FI