contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Andrea Mengucci nel gotha degli e-sports: Wizarts lo ha scelto insieme a 31 esperti di tutto il mondo

2' di lettura
3401

di Giulia Mancinelli
senigallia@vivere.it


E' considerato tra i migliori giocatori al mondo di “Magic: the gathering”, il gioco di carte più famoso del pianeta. Lui ha solo 25 venticinque anni ed è senigalliese doc. Si chiama Andrea Mengucci e il suo nome è particolarmente conosciuto in città (la mamma è l'assessore alla cultura e istruzione Simonetta Bucari e il papà è l'avvocato Stefano Mengucci).

Andrea è stato scelto dalla Wizards of the Coast, la casa editrice di “Magic: the gathering” tra i 32 giocatori di tutto il mondo che si cimenterà in un torneo per i migliori in assoluto. I giocatori, e quindi anche Andrea Mengucci, riceveranno uno stipendio annuo di ben 75 mila dollari per partecipare al torneo. Andrea però non dovrà solo giocare ma anche scrivere scrivere articoli sul gioco e realizzare video in streaming del gioco, il tutto ovviamente in lingua inglese. Per Andrea, che per altro è l'unico italiano scelto dalla Wizards of the Coast, si tratta di un'occasione unica. Del resto il giovane senigalliese si cimenta da anni in questa “disciplina”.

Laureato in Giurisprudenza, Andrea nel tempo libero ama girare il mondo per giocare a Magic: The Gathering e da oltre 4 anni è diventato un professionista. All'estero Andrea è già una star: si è classificato per tre volte in top 8 al Pro Tour, e quattro volte top 8 ai mondiali a squadre fino a vincere nel 2015 il titolo di Campione del Mondo. Quando la Wizards ha contatto Andrea per comunicargli la bella notizia, per il giovane senigalliese è stata una piacevole sorpresa.

“Sono emozionato e al tempo stesso orgoglioso di essere stato selezionato per la Magic Pro League e non vedo l’ora di cominciare le sfide che prenderanno il via a breve -racconta Andrea Mengucci- In queste sfide per me ci sarà anche una novità rappresentata dallo streaming. Non ho mai usato la piattaforma Twich anche se già mi cimento in video e audio, ovviamente in inglese perchè è la lingua principale per un giocatore professionista”. Andrea ha avuto una grande intuizione, quella del gioco digitale. “In vita mia ho giocato sempre e solo a Magic -rivela- un gioco cartaceo rischia di essere obsoleto perchè il futuro è sicuramente nel digitale. E in effetti la stessa Wizards sta progettando di trasformare Magic da gioco di carte a videogioco.



Questo è un articolo pubblicato il 02-01-2019 alle 22:29 sul giornale del 03 gennaio 2019 - 3401 letture