contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Una lettrice: "Io malata di cancro, voglio ringraziare gli 'angeli' incontrati all'ospedale di Senigallia"

3' di lettura
5353

da una lettrice di Vivere Senigallia


ospedale di senigallia
Sono una donna residente a Pontericcioli frazione di Cantiano (PU) sento il piacere e il dovere, di ringraziare i miei angeli il Dottor Eugenio Brunelli, il Dottor Massimo Marcellini e il Dottor Angelo Cavicchi e tutti i componenti del loro staff, che lavorano con passione presso l’ospedale dì Senigallia.

Una premessa, sono di origine Campana anche se sono nata a Torino, sono cresciuta nei collegi gestiti dalle suore (sono del '68), collegi che hanno devastato l’anima di tanti di noi per i maltrattamenti subiti, questo per dire che sono molto diffidente nel porre il mio corpo e la mia anima nelle mani di qualcuno, aggiunga che ho lavorato un anno come ausiliaria specializzata nel reparto di Chirurgia nel 2004/2005 dell’ospedale di Gubbio e ho visto come tanti (non tutti) operatori possono essere superficiale sulla vita, ma soprattutto sottovalutando le sofferenze delle persone. Molti di loro pensano che alleviando il dolore fisico hanno fatto tutto, e non capiscono che in quei momenti si ha più bisogno prima di sentirsi protetti, e poi di tutto il resto. Può solo immaginare minimamente, di come sono complessata caratterialmente.

Quando ho scoperto di avere un Cancro al retto, dalla colonscopia fatta dal Dottor Brunelli, in un attimo ho rivissuto il mio passato, mi sono sentita di nuovo bambina, impaurita, smarrita, metta, che ho perso mio padre, il mio unico, grande amore e punto di riferimento aveva 50 anni lui e 30 io (cioè la mia stessa età attuale) con un cancro. Ero scioccata, non riuscivo a prendere nessuna iniziativa, mentre mi dava la notizia che avrei dovuto, subito rivolgermi ad un chirurgo, mi ha anche trasmesso tanta serenità, dicendomi: "Signora adesso vada a casa e si riposi, poi se domani vuole, può ritornare qui Io l’accompagno dal Chirurgo". La mattina dopo sono corsa da lui, quella notte un incubo, non passava mai. Quando mi ha rivista ed ero davanti a lui mi sono sentita protetta, mi ha letteralmente parlando, portata tra le braccia del Dottor Cavicchi, e ho percepito la stessa protezione, attenzione e calore umano.

Ricordo le sue prime parole "Se la sente di fidarsi di me", e li io mi affidai a lui. Mi mandò da un altro angelo il dottor Marcellini l‘ oncologo e con lui ho avuto la percezione e la conferma di quanto Dio è Grande, un’anima nobile, che vive in primis sicuramente per i suoi affetti, ma i suoi pazienti sono anche i suoi affetti. Lì ho avuto la conferma che non dovevo e non sentivo l’esigenza di andare oltre, anche dinanzi alla possibilità di andare, in struttura che vantano eccellenze in questo campo, anche lo staff della radioterapia di Ancona ha contribuito con la sua umanità. Domenica mattina mi ricovero a Senigallia e lunedì mi opero.

A prescindere da come evolve il tutto vorrei dare testimonianza di come mi hanno accompagnata, supportato e protetta in questo percorso e per una come me, non è cosa facile, sentirsi così, hanno fatto in modo che vivessi questa esperienza con serenità, e vada come vada io sento il dovere di dirlo e ringraziarli pubblicamente anche perché, la cosa che mi ha stupito di più e vedere che non ero io l’eccezione, ma era proprio il loro metodo con tutti. E lì ho capito che sono loro Eccezionali.



ospedale di senigallia

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2018 alle 10:28 sul giornale del 24 novembre 2018 - 5353 letture