contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Nuovo presidio davanti all' "allevamento degli orrori". Gli organizzatori: "Stop a inutili violenze sugli animali"

1' di lettura
1092

di Sara Santini
senigallia@vivere.it


Si svolgerà sabato 17 novembre un nuovo presidio davanti all'allevamento di suini finito al centro delle indagini per le atrocità inflitte agli animali. L'appuntamento, organizzato da Rivoluzione Etica, è dalle ore 13 alle 16 a Senigallia in via della Bruciata.

L'allevamento in questione è finito nel mirino dei Carabinieri Forestali, per le accuse di sevizie e violenze estreme protratte nel tempo a danno degli animali. Le violenze inflitte agli animali sono state registrate da telecamere nascoste grazie a un infiltrato dell'associazione Essere Animali.

"Dopo la denuncia della forestale, si dovrà attendete il lungo e penoso iter giuridico - lamentano gli organizzatori della nuova manifestazione - mentre gli animali continuano a subire gli stessi trattamenti poiché non è stato preso alcun provvedimento. Vorremmo che questo posto diventasse l'ombelico del mondo nella lotta animalista contro gli abusi perpetrati a danno di esseri senzienti che nulla hanno fatto per meritarsi immersioni in acqua bollente da vivi per favorire il distacco della pelle, pungulature con cavi elettrici, martellate incessanti, sgozzamenti a testa in giù e squartature inenarrabili quando la morte non li ha ancora abbandonati. Essi subiscono inutili violenze secondo l'assurda regola per la riproduzione, legalizzata in tutti gli allevamenti intensivi.

Diverse testate giornalistiche hanno riportato la notizia ma il polverone sollevato a settembre è diventata una blanda foschia. Vorremmo che tutti capissero l'immenso dolore degli animali e cominciassero a ribellarsi senza più accettare questo assurdo sistema che disconosce rispetto, amore, empatia e segue solo le assurde leggi di un mercato che olezza di sangue innocente per offrire alle tavole prodotti a prezzi più bassi. Vorremmo che i marchigiani si attivassero, per una giusta causa", dicono, invitando tutti a prendere parte al presidio.





Questo è un articolo pubblicato il 15-11-2018 alle 09:41 sul giornale del 16 novembre 2018 - 1092 letture