contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Incontro con il direttore di Avvenire Marco Tarquinio: il vescovo Manenti, "Interpretare i fatti senza semplificazioni"

1' di lettura
936

di Sara Santini
senigallia@vivere.it


Si svolgerà sabato 3 novembre alle 10 l'incontro con Marco Tarquinio, direttore di "Avvenire". L'appuntamento é al Cinema Gabbiano.

Un incontro pensato dalla diocesi e a cui tutti sono invitati a partecipare. "Viviamo in una società complessa dove non sempre è facile comprendere i fatti e dargli una interpretazione - ha spiegato Monsignor Franco Manenti, vescovo di Senigallia - e da qui viene il titolo dell'incontro "Leggere il nostro tempo". Crediamo che una persona come il direttore del quotidiano "Avvenire", che per mestiere racconta e interpreta i fatti possa aiutarci in questo esercizio".

Una mattinata dunque di riflessione e confronto che possa essere da stimolo per i credenti e non solo nell'approfondimento dei fatti e della realtà che ci circonda.

"Di fronte ad una realtà così complessa - ha aggiunto Monsignor Manenti - spesso si rimane smarriti e si rischia di cedere ad una semplificazione nell'interpretazione che difficilmente dà ragione della verità dei fatti, e che spesso provoca anche reazioni semplificate. Penso ad esempio al complesso fenomeno dell'immigrazione, alle sue origini, si rischia di reagire con scorciatoie, legate alle paure e alle preoccupazioni. Si tratta di reazioni lecite, ma che non possono prendere il sopravvento."

A seguire l'incontro di sabato, la diocesi promuove altri due appuntamenti, quello del 9 dicembre nel quale monsignor Franco Manenti incontrerà gli amministratori del territorio e del 27 aprile con gli operatori economici.

"Sono incontri proposti per far avvicinare le varie realtà che possano essere motore di cambiamento- ha spiegato don Paolo Gasperini - vogliamo avviare pratiche che possano essere motore di cambiamento e sostenere chi già è impegnato in questo compito."



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-10-2018 alle 15:00 sul giornale del 02 novembre 2018 - 936 letture