x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
comunicato stampa

Domande di alloggio per stranieri: la Lega, "Finalmente cambiano le regole"

3' di lettura
993

da Lega


Dopo quasi due anni di lavoro e di incessante impegno del Capogruppo al Consiglio Comunale di Senigallia e Coordinatore comunale della Lega, Davide Da Ros, che tra mozioni presentate, interventi in Aula e in Commissione, anche a Senigallia stanno per cambiare le regole per fare domanda di alloggio popolare.

In quarta Commissione consiliare permanente del Comune, è stato stilato una nuova formulazione del Regolamento, che nei prossimi giorni approderà in Consiglio per essere approvato e che prevede un’interessante novità. In poche parole, la nuova norma regolamentare, per quanto riguarda le eventuali e possibili proprietà immobiliari degli stranieri, situate nel loro Paese di origine, non sarà più consentito presentare una semplice autocertificazione, ma sarà necessario o obbligatorio esibire una dichiarazione del Consolato del proprio Pase di provenienza tradotta in Italiano. Perché questo cambiamento?

“Perché se nel suo Paese – dichiara il Capogruppo consiliare di Senigallia della Lega Davide Da Ros – lo straniero possiede un immobile, è palese e anche scontato che gli faccia reddito, e quindi nella domanda che farà sarà posizionato in graduatoria dietro a chi non possiede nessuna proprietà immobiliare, e questo varrà per tutti, sia per gli Italiani che per gli stranieri. Chiaramente, non è razzismo, come chicchessia possa credere, ma una forma di equità ed eguaglianza sociale, che vale per tutti, e che mette tutti nelle condizioni di essere tutelati allo stesso modo. Il concetto base è semplice. Per richiedere un alloggio popolare non si debbano avere altri immobili di proprietà, e se, prima, con l’autocertificazione, qualcuno poteva fare il ‘furbetto’, dopo l’approvazione di questa nuova norma, e quindi con la dichiarazione ufficiale e certificata rilasciata dal Consolato del proprio Paese d’origine, sarà più difficile infrangere le regole.”

“Insomma, una norma, che favorisce chi veramente ha bisogno – gli fa eco il Capogruppo al Consiglio dell’Unione della Lega e Capogruppo al Consiglio di Ostra Vetere Massimo Bello - senza distinzione alcuna. Il plauso di tutta la Lega va all’impegno profuso e al lavoro incessante del nostro Coordinatore comunale Davide Da Ros su un provvedimento, che tra qualche giorno approderà in Aula per la sua convalida.” “Un lungo iter, che porta a termine un lavoro iniziato quasi due anni fa, ma che ben presto diverrà una realtà concreta. E questo grazie – dice Davide Da Ros - anche al sostegno e al supporto tecnico dell’Assessore della Lega di Tolentino Giovanni Gabrielli, dell’Assessore della Lega di Civitanova Marche Giuseppe Cognigni, che mi hanno fornito un prezioso contributo e una documentazione di note tecniche, agli amici della Lega di Senigallia e all’apporto significativo dell’amico Massimo Bello, anch’egli Capogruppo della Lega al Consiglio di Ostra Vetere e al Consiglio dell’Unione dei Comuni che, insieme al sottoscritto, da ultimo, ha intrattenuto rapporti e colloqui con il dirigente Mandolini e la funzionaria Campolucci del Comune di Senigallia, che si sono dimostrati di utile supporto per stilare la proposta definitiva della nuova norma, e ai quali vanno i miei personali ringraziamenti.”

“Un obiettivo importante, di cui la Lega di Senigallia – conclude Da Ros - va fiera e che vede Senigallia quale terza città marchigiana, che cambia le regole per la richiesta degli alloggi popolari.”



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2018 alle 08:37 sul giornale del 29 ottobre 2018 - 993 letture