Montemarciano: picchiarono un cliente "mancato" al distributore, arrestati due viados brasiliani

2' di lettura 04/10/2018 - Giovedì mattina i Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno dato esecuzione ad una ordinanza di misure cautelari personali firmata dal G.I.P. del Tribunale di Ancona, nei confronti di due brasiliani, un transessuale 38enne residente a Montemarciano e un 24enne residente ad Ancona, responsabili del reato di concorso in rapina aggravata e lesioni personali.

Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Ancona sono state avviate a seguito di una rapina avvenuta alle due di notte del 25 agosto. Una pattuglia di Carabinieri era intervenuta presso il distributore lungo la statale16 tra Marzocca e Montemarciano, dove un uomo di 41 anni, ferito al volto, lamentava di essersi fermato con la propria auto presso l’area di servizio dove aveva fatto salire a bordo una donna che gli aveva chiesto un passaggio. Immediatamente, però, si era reso conto che si trattava di un transessuale e perciò gli aveva intimato di scendere dal veicolo.

A quel punto il brasiliano non aveva voluto saperne di scendere e aveva iniziato a sferrare una serie di pugni al volto dell’automobilista che, a sua volta, aveva reagito, ma era arrivato un terzo uomo che contribuiva al pestaggio scaraventando l’automobilista fuori dall'auto per scappare poi a bordo insieme al viado. L’auto era stato quindi ritrovata poco dopo abbandonata al margine di una scarpata, a circa due chilometri di distanza dal luogo della rapina. All’atto della restituzione la vittima non trovava il borsello lasciato sul sedile posteriore, all’interno del quale erano custoditi i suoi documenti, una carta di credito ed un bancomat, nonché la carta di circolazione del veicolo e 70 euro.

Allo sfortunato automobilista furono diagnosticati traumi contusivi con prognosi di 20 giorni. I Carabinieri della Stazione di Montemarciano, agli ordini del Mar.Magg. Marzano Alessandro, si sono messi alla ricerca di informazioni sui possibili responsabili riuscendo a risalire ai due brasiliani le cui foto segnaletiche erano state riconosciute dalla vittima. Dalla ricostruzione investigativa è emerso che i due brasiliani avevano commesso la rapina al fine di ottenere dal denunciante il corrispettivo della prestazione sessuale che lo stesso aveva rifiutato una volta accortosi che la persona fatta salire in macchina non era una donna. I due arrestati sono stati trasferiti nella Casa Circondariale di Ancona Montacuto.








Questo è un articolo pubblicato il 04-10-2018 alle 14:05 sul giornale del 05 ottobre 2018 - 3026 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, montemarciano, giulia mancinelli, carabinieri, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aY3d





logoEV
logoEV