contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ECONOMIA
pubbliredazionale

Ostra Vetere: Banca di Credito Cooperativo a gonfie vele, utile semestrale al top

2' di lettura
1134

da BCC Ostra Vetere
www.ostravetere.bcc.it


Il bilancio del primo semestre 2018 approvato dal Consiglio di amministrazione della Banca di Credito Cooperativo di Ostra Vetere ha evidenziato, ancora una volta, un risultato economico di assoluto rilievo, a testimonianza di una solidità patrimoniale invidiabile, ma soprattutto della qualità del lavoro svolto sul territorio di competenza.

Tutti i principali indicatori si confermano positivi: l’utile netto semestrale si attesta a 1,4 milioni di euro (di poco inferiore a quanto conseguito nell’intero esercizio 2017, il migliore nei quasi cento anni di attività della Banca), il margine d’interesse si è incremento del 14,7 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il margine d’intermediazione è salito del 15,8 per cento, il risultato netto della gestione finanziaria è balzato di oltre il 20 per cento.

Molto significativa anche la crescita dei principali aggregati bancari nonché di tutti i prodotti e servizi allocati a Soci e Clienti.

Il comparto crediti migliora sensibilmente (sofferenze -8,4 per cento) confermando la Bcc di Ostra Vetere tra le Banche più performanti in tale ambito non solo a livello regionale; con il concretizzarsi della cartolarizzazione già pianificata, del tutto coerente con l’attuale solidità patrimoniale, lo specifico settore diventerà del tutto residuale.

“Siamo soddisfatti dei risultati conseguiti - dichiara il Presidente dr. Carbini - che confermano ulteriormente la bontà delle scelte strategiche effettuate e la nostra capacità di fare impresa. Il 2018 ci sta dando parecchie soddisfazioni, sia in termini numerici, visti i risultati ottenuti, sia in termini di propositività, visto l’imminente varo del Gruppo Bancario Cooperativo di cui siamo parte attiva, nella convinzione che rappresenta una immensa opportunità per la nostra Banca. In parallelo al nostro business tradizionale – continua il dr. Carbini – stiamo investendo fortemente in formazione ed innovazione. In uno scenario che vede il mercato bancario mutare ogni giorno per una serie di discontinuità di natura normativa, tecnologica e generazionale, abbiamo cercato di innovare, quotidianamente, il concetto di prossimità che, di fatto, ci ha consentito di ergerci a principale partner delle famiglie e delle aziende nelle piazze in cui siamo insediati”.





Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 14-08-2018 alle 09:15 sul giornale del 16 agosto 2018 - 1134 letture