x

Corinaldo Jazz 2018: gli Yellowjackets apriranno la XX edizione

3' di lettura 03/08/2018 - Alla storica band degli Yellowjackets spetta il compito di aprire domenica 5 agosto, nella piazza Il Terreno alle 21.45, la ventesima edizione del Corinaldo Jazz, manifestazione ideata dall'associazione culturale Round Jazz, con la collaborazione del Comune di Corinaldo- Assessorato alla Cultura.

Evento straordinario per il borgo corinaldese che festeggerà il suo ventesimo compleanno con una delle fusion band più longeva e creativa della storia. Con quattordici album alle spalle, oltre un milione di copie vendute, centinaia di concerti in tutto il mondo The Yellowjackets sono entrati nella storia del jazz, non solo per un fatto di continuità anagrafica (il gruppo esiste dal 1977), quanto per una esplosiva spinta a sperimentare continuamente linguaggi, fusioni e contaminazioni, e a rivedere il proprio orizzonte espressivo alla luce di nuove acquisizioni stilistiche. Il gruppo, inizialmente nominato The Robben Ford Group, fu fondato nel 1977 da Robben Ford, Russell Ferrante, Jimmy Haslip e Ricky Lawson. In seguito Ford fu rimpiazzato dal sassofonista Marc Russo e Ricky Lawson lasciò nel 1986 per seguire Lionel Richie.

Nel 1981 il gruppo prese il nome Yellowjackets ed era orientato al R&B con il chitarrista Robben Ford. Quando Ford lasciò il gruppo subentrò Marc Russo al sax e la band assunse sonorità del tutto originali con il tastierista Russell Ferrante il bassista Jimmy Haslip, il batterista William Kennedy, avvicinandosi alla fusion con composizioni originali che ricordavano le melodie di Joe Zawinul. Iniziarono le registrazioni dei primi album con la Warner Brothers passando poi alla MCA/GRP nel 1986, con cui registrarono vari album di discreto successo. Gli Yellowjackets comparvero anche nella colonna sonora di Star Trek IV: The Voyage Home. Negli anni ’90 Russo decise di unirsi definitivamente ai Doobie Brothers, e al suo posto subentrò Bob Mintzer (sax tenore e clarinetto). Questo passaggio avvicinò ulteriormente il gruppo alle sonorità jazz. Tornarono a registrare per la Warner Brothers nel 1995 poi incisero per l’etichetta Heads Up un paio di album dal vivo (Mint Jam, 2002).

Nel 2006 il gruppo celebrò il venticinquesimo anniversario con l’album Twenty Five. Nel maggio 2008 gli Yellowjackets incisero il loro ventesimo disco (Lifecycle, HeadsUp International), in cui compare il chitarrista Mike Stern (dopo 15 anni di assenza dai loro dischi di un chitarrista, l’ultimo nel 1994 fu Run For Your Life con Robben Ford). L’album fu candidato nel 2009 ai Grammy Awards nella categoria Best Contemporary Jazz Album. Ormai il loro sound e il loro stesso nome sono molto più di un marchio di fabbrica e, attraverso l’evoluzione della loro musica, rappresentano piuttosto un certificato di garanzia. Jazz e fusion acustica si fondono con grandissima raffinatezza in un sound compatto, preciso eppure lieve, con spazi, forme e dimensioni disegnati senza fatica da musicisti che è un vero piacere ascoltare. Formazione all gran completo con Russell Ferrante al pianoforte e tastiere, Bob Mintzer: ai Sax, Will Kennedy alla batteria ed il giovane “gigante” Dane Alderson al basso elettrico.

Dopo il concerto, Jam Session ai 9 Tarocchi, a due passi dal palco. Ingresso €15. Per ulteriori informazioni consultate il sito internet www.corinaldojazz.com, ove sarà anche possibile iscriversi al gruppo Facebook e Twitter della rassegna. Info: 071/7978636 (Uff. Turistico); 329/4295102; roundjazz@gmail.com






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-08-2018 alle 14:12 sul giornale del 04 agosto 2018 - 561 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di corinaldo, corinaldo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aXex





logoEV
logoEV
logoEV