statistiche accessi

Lega: "La sanità senigalliese è ad intermittenza, si rischiano amputazioni di servizi importanti"

2' di lettura Senigallia 02/07/2018 - "La sanità senegalliese e la definizione del ruolo dell'Ospedale di Senigallia, nonostante le numerose prese di posizione, i richiami e la volontà, rischiano ancora di vedersi amputare servizi e strutture. Ci troviamo di fronte ad una sanità ad intermittenza, che riguarda solamente il nostro territorio e non altri.

E, mentre il sindaco Mangialardi è occupato a farsi fotografare sul palco del Cateraduno e a conferire deleghe fantomatiche e ridicole ai suoi sindaci-vassalli dell'Unione, uno dei diritti fondamenti delle nostre comunità sembra essersi perduto nei meandri dell'inerzia e della presa in giro."

E' quanto scrivono in una nota stampa i rappresentanti istituzionali della Lega di questo territorio: Davide Da Ros, Capogruppo consiliare di Senigallia e Coordinatore comunale e delle Valli del Misa e del Nevola, e Massimo Bello, Capogruppo consiliare di Ostra Vetere e Responsabile comunale di Ostra Vetere, a proposito della notizia apparsa nei giorni scorsi, con cui si è palesata la sospensione dei ricoveri presso l'Unità di Gastroenterologia dell'Ospedale di Senigallia.

"Non ci siamo affatto - affermano i due consiglieri del partito di Matteo Salvini - perché ancora una volta Senigallia dimostra di non contare nulla. Ma, soprattutto, chi conta poco è Mangialardi e i suoi fedelissimi. Mentre a Jesi come a Fabriano, a Fano come ad Ascoli, le decisioni nel settore sanità vengono assunte nel rispetto delle esigenze del territorio, in questa parte sperduta della provincia di Ancona ogni sussulto di chi governi la sanità regionale farebbe presupporre che stiamo percorrendo una strada minata."

"Nonostante il Consiglio regionale delle Marche avesse approvato una mozione importante per il nostro territorio - continuano i Consiglieri della Lega Massimo Bello e Davide Da Ros - ci saremmo aspettati una reazione ed uno scatto d'orgoglio da parte di Mangialardi e della maggioranza. Invece, la notizia di questa eventuale e possibile sospensione di un ulteriore servizio sanitario del nostro Ospedale fa dedurre che questa spinta involutiva della sanità locale del nostro territorio stia ancora mietendo vittime. Le vittime illustri di degenerazione politica riguardo alle politiche sanitarie sono il nostro Ospedale e le comunità di cittadini di Senigallia e dell'intero comprensorio vallivo, che comprende ben otto Comuni."

"Al riguardo - concludono Bello e Da Ros - presenteremo nei nostri rispettivi Consigli Comunali un'interrogazione urgente per conoscere, ancora una volta e una volta per tutte, se non si ritenga utile ed improcrastinabile fare chiarezza su cosa stia realmente accadendo nel mondo della sanità a Senigallia e nel comprensorio. Ciò che sta succedendo è davvero surreale."

da Massimo Bello - Capogruppo consiliare LEGA ad Ostra Vetere e Responsabile comunale LEGA ad Ostra Vetere
Davide Da Ros - Capogruppo consiliare LEGA A Senigallia e Coordinatore comunale e delle Valli del Misa e del Nevola LEGA






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2018 alle 21:36 sul giornale del 03 luglio 2018 - 443 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, lega nord, Lega Nord Senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aWc0





logoEV
logoEV
logoEV