x

Tubercolosi all'Ipsia: esami su tutti i compagni di classe e gli insegnanti dello studente malato

1' di lettura Senigallia 09/04/2018 - E' scattata la profilassi all'Ipsia dopo il caso di turbercolosi che ha colpito uno studenti di una prima classe. L'episodio è stato comunicato venerdì dall'Asur all'istituto di via Rosmini che subito ha avvertito gli studenti e i genitori dei ragazzi frequentanti la classe dove si è registrato il caso di Tbc.

Lunedì, al ritorno in classe dopo il fine settimana (il sabato la scuola non c'è), l'istituto ha provveduto a dare ulteriori aggiornamenti agli studenti e alle famiglie sulla profilassi che stata avviata. I controlli sanitari interessano, al momento, solo gli studenti della prima classe frequentata dal ragazzo malato e gli insegnanti. Non verranno estesi a soggetti “terzi” come i familiari dei compagni dello studente affetto da tbc.

Essendo il periodo di incubazione della tubercolosi piuttosto lungo e incerto (il tempo massimo è stimato in dieci settimane), per i compagni di classe è stata prevista una diagnosi sulla presenza del batterio della tbc da scongiurare attraverso un semplice prelievo di sangue. L'Asur si dice comunque relativamente tranquilla rispetto ai rischi di un contagio. Il ragazzino ammalatosi di tubercolosi infatti era assente da scuola già da diversi giorni rispetto alla notifica dell'Asur. Inoltre i batteri della tubercolosi attecchiscono prevalentemente in soggetti con condizioni di salute per vario motivo debilitate e addirittura precarie.

Trascorse dieci settimana, alla scadenza del periodo massimo di incubazione, verranno ripetuti gli esami del sangue.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2018 alle 23:35 sul giornale del 10 aprile 2018 - 1296 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aTqZ





logoEV
logoEV