x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CRONACA
articolo

L'assessore Ramazzotti: "Non voglio dimettermi, nonostante le criticità"

3' di lettura
2266

di Giulia Mancinelli
senigallia@vivere.it


Non vuole dimettersi l'assessore alle pari opportunità Ilaria Ramazzotti. E così gli attriti di Giunta, insorti da qualche tempo tra l'assessore e il primo cittadino potrebbero portare ad un ribaltamento di prospettiva. Se l'assessore non presenterà le dimissioni (cosa che la stessa Ramazzotti dichiara di non voler fare) allora sarebbe il sindaco stesso a revocarle le deleghe. Atto che potrebbe avvenire già nella giornata di lunedì.

Lo strappo che si sarebbe creato da alcuni mesi a questo punto appare sempre più insanabile. Intanto a dire la sua è lo stesso assessore Ramazzotti. "In seguito agli articoli riguardo a un’ipotesi di mie dimissioni dovute a motivi di lavoro dichiaro che non ho mai pensato né affermato con nessuno questa intenzione. Forse qualcuno ha invece avuto interesse a mettere in giro queste voci totalmente infondate. Sono stata Capogruppo del Partito Democratico nella precedente legislatura, ho dato un forte contributo per la stesura del programma politico amministrativo con cui mi sono presentata nelle liste del Partito Democratico a sostegno della candidatura a sindaco di Maurizio Mangialardi, programma premiato e considerato vincente dai cittadini -scrive in una nota la Ramazzotti- Per cui ho considerato una grande responsabilità la richiesta di entrare a far parte della squadra per poter contribuire a realizzare questo progetto. La legge prevede le dimissioni dal Consiglio Comunale per entrare in giunta, si crea un patto di fiducia che porta ad accettare questa condizione. Scelta di grande valore, una giunta composta solo da persone elette, fu questa la scelta di Maurizio Mangialardi.

Accogliere nella propria squadra persone che hanno partecipato alla tornata elettorale, nella quale erano coinvolti più di 300 candidati indicati dal voto dei cittadini. Ho svolto con passione e impegno questo mio compito fino adesso e continuo ad essere disposta ad impegnarmi, come sempre ho fatto, con determinazione fino alla fine del mandato.
Ho chiesto una smentita ad alcune mie dichiarazioni apparse sui giornali, ma mi è stato detto che una fonte autorevole e certa le aveva rilasciate. Non so quale possa essere la fonte autorevole e certa più della sottoscritta dato che riguardavano mie decisioni. Per questo ritengo giusto e doveroso procedere ad una smentita ed affermare la mia volontà di rimanere in questa Amministrazione.
Abbiamo svolto pochi mesi fa una verifica programmatica di metà mandato in cui sono state analizzate le azioni intraprese da tutti fino ad ora i cui risultati sono stati positivi e apprezzati da tutte le forze che compongono la maggioranza. Certo che questo non vuol dire che non ci siano criticità o situazioni problematiche. Ma l’azione amministrativa ha proprio questo scopo, mettere insieme le energie e le forze di tutti per realizzare e contribuire al bene della città. Ho preso con molta serietà il mandato che mi è stato assegnato dai cittadini, sono stata una delle donne più votate nel Comune di Senigallia. In questi anni ho costruito e operato con tenacia, sempre in ascolto dei problemi e delle richieste che emergevano dalla comunità, condividendo le preoccupazioni con la mia squadra di giunta e il Sindaco. Pari opportunità, ambiente, frazioni sono state le mie attenzioni particolari in questi anni che con convinzione ho affrontato. In merito alla richiesta di mie dimissioni preciso quindi che non è mia intenzione presentarle".



Questo è un articolo pubblicato il 08-04-2018 alle 14:43 sul giornale del 09 aprile 2018 - 2266 letture