x

Escrementi di cani non raccolti dai padroni: i Vigili Urbani intensificano controlli e multe

bisogni del cane 2' di lettura Senigallia 08/04/2018 - Continuano e si intensificano i controlli della Polizia Locale nei confronti dei proprietari dei cani che lasciano gli escrementi nelle strade, sui marciapiedi, nelle aiuole e nei giardini pubblici. Numerose sono le segnalazioni dei cittadini giunte alla centrale della Polizia Locale sulla cattiva conduzione dei cani, che riguarda non solo la pessima abitudine di alcuni detentori di non raccogliere le deiezioni, ma anche quella di lasciarli liberi di scorazzare senza guinzaglio.

Raccogliere gli escrementi, come fanno molti cittadini, è segno di civiltà e di rispetto della cosa pubblica e degli altri. Oltretutto è stato emanato un regolamento comunale sulla tutela degli animali, che richiama esplicitamente, all’art. 26, i proprietari o i detentori alla raccolta degli escrementi prodotti dai loro cani sul suolo pubblico, in modo da mantenere e preservare lo stato di igiene e decoro di qualsiasi area pubblica o di uso pubblico dell’intero territorio comunale.

I proprietari e i detentori sono, inoltre, obbligati a portare al seguito la paletta e il sacchetto o ogni altro strumento raccoglitore, specificatamente destinato a quell’uso, per una igienica raccolta e rimozione degli escrementi.

Tutti i cani, indipendentemente dalla loro mole e carattere, devono essere tenuti al guinzaglio, la cui lunghezza deve essere adeguata alle varie situazioni, in maniera tale che non procurino disturbo ad altri animali o persone; se sono condotti in ambienti pubblici quali mercati, manifestazioni sportive e simili, i cani dovranno anche essere dotati di museruola, come previsto dalle normative vigenti in materia.

Il regolamento comunale vieta, inoltre, in modo assoluto, l’accesso ai cani nelle aree verdi attrezzate per il gioco dei bambini o per lo svolgimento di attività sportive ed in tutte le altre aree in cui tale divieto venga indicato con specifica e idonea cartellonistica. Negli spazi a loro destinati, invece, i cani possono muoversi, correre e giocare liberamente, senza guinzaglio e museruola, sotto il vigile e costante controllo degli accompagnatori, che ne sono responsabili.

Fra pochi giorni, inoltre, scatterà il divieto di portare i cani sulla spiaggia. Infatti dal 1 maggio al 30 settembre i cani potranno accedere alla spiaggia solo negli stabilimenti balneari appositamente autorizzati e attrezzati, davanti ai quali possono anche fare il bagno.

Non raccogliere gli escrementi del proprio cane, non avere con sé la paletta o il sacchetto, non detenere il cane al guinzaglio su suolo pubblico e far entrare i cani nei giardini pubblici comporta una sanzione di 50 Euro, mentre per chi conduce i cani in spiaggia, nel periodo vietato, è prevista una sanzione di 200 Euro.


   

da Polizia Municipale




Questo è un articolo pubblicato il 08-04-2018 alle 09:00 sul giornale del 09 aprile 2018 - 2769 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia municipale, polizia municipale vigili, articolo, bisogni del cane

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aTnz





logoEV
logoEV