Montemarciano: tre gli incontri nella Natura dell'Associazione Altern-Attiva

10/05/2017 - L'Associazione Altern-Attiva propone un ciclo di eventi denominati “Incontri nella Natura”. Tre gli appuntamenti: il 13 Maggio dalle 16,30, passeggiata nel Bosco della Castagnola in compagnia del Prof. Fabio Taffetani, Ordinario di Botanica Sistematica e Direttore del Orto Botanico "Selva di Gallignano", durante la quale sarà possibile osservare le diverse formazioni vegetali e le specie presenti nell'area verde.

Scoprendo la biodiversità, che questo ambiente custodisce e la sua importanza in un paesaggio fortemente antropizzato. La serata proseguirà con una cena condivisa (ognuno porta il necessario per un bel pic-nic) e con l'osservazione astronomica a cura di Fabio Bradach. Appuntamento per tutti in Via Mariani. Si continua poi il 27 Maggio e l'11 Giugno, sempre alla 16,30 in Via Perello 19 a Monte San Vito, con due laboratori per la realizzazione di un orto biologico alla presenza dell'agronomo Dott. Vittorio Merli.

Si parlerà di come migliorare la fertilità del suolo e come difendersi da parassiti ed erbe spontanee. Il costo per ognuno dei due laboratori è di 5 euro. Durante tutti e tre gli eventi ci sarà la possibilità, per i residenti, di firmare la petizione popolare per vietare l'uso dei disseccanti, regolamentare l'uso dei prodotti fitosanitari e promuovere forme di agricoltura organica sul territorio del Comune di Montemarciano.

Il Mondo in cui viviamo è governato dalle Multinazionali ed in particolare quelle dei semi brevettati e dei prodotti chimici per l'agricoltura. Il risultato, sotto gli occhi di tutti, è che le nostre campagne sono inquinate e con esse il cibo che ci nutre. Crediamo sia indispensabile un radicale cambiamento prima che metodologico, di metodo e di visione: non più un'agricoltura industriale, volta ad ottenere la massima resa, privatizzando il profitto e socializzando perdite e danni (nel senso di perdita di biodiversità, di fertilità dei suoli e danni alla salute, alle specie viventi), ma una agricoltura contadina che consideri il suolo una forma vivente, da proteggere, da consegnare meglio di come lo si è trovato alle generazioni future. In una parola, Biologico!

L'unica possibilità per svincolarsi dalle lobby, l'unica certezza per non degradare la Natura. Tutto ciò è possibile solo attraverso una modifica negli stili di vita ed alimentari dei consumatori, un cambiamento personale, ma non è sufficiente. La necessità stringente è, oggi, più che mai, quella di fondare un patto sociale nuovo tra lavoratori e famiglie, istituzioni ed associazioni a favore del rispetto dei diritti dell'Umanità e della Natura.

Questa serie di eventi mirano non solo a socializzare, ma a socializzare con uno scopo, con un obiettivo. Imparare a conoscere la Natura, vuol dire imparare a rispettarla, a rispettare noi stessi. Imparare a fare un orto bio, significa imparare a conoscere il suolo, i suoi segreti, mangiare prodotti sani e divenire indipendenti dalla grande distribuzione. L'elemento fondamentale che chiude il cerchio è la possibilità di firmare una petizione popolare per eliminare l'uso di prodotti chimici nei terreni pubblici e privati del territorio del Comune di Montemarciano.

La proposta però non è esclusivamente negativa, perché propone di sostituirli con tecniche agronomiche non impattanti, con l'obiettivo di garantire la salute dei suoi cittadini. Invitiamo tutti dunque a partecipare e condividere l'evento, certi che possa non lasciare indifferenti un tema di così grande attualità.

da Associazione Altern-Attiva







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-05-2017 alle 08:50 sul giornale del 11 maggio 2017 - 526 letture

In questo articolo si parla di attualità, montemarciano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJbM





logoEV