NeTaTwOrK. ‘Ed oggi cosa pubblico’? Crisi e ricette per il Business Digitale

20/03/2017 - Un antico proverbio cinese dice: “Dai un pesce ad un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita”. L’offerta formativa su come diventare capaci nel gestire gli strumenti del web marketing per la propria attività professionale è oggi diventata veramente esuberante.

Non mettiamo in discussione la validità di questi percorsi formativi, proposti da Agenzie Web di chiara fama, tuttavia il dubbio che ci viene è se siano poi veramente così efficaci. Ossia, l’operatore e quindi l’azienda riesce poi a far da sol,a oppure, come talvolta accade, deve rivolgersi e/o affidarsi completamente a professionisti WEB di robusta esperienza?

Nel corso dei nostri recenti seminari, ci capita di ascoltare questo: “Il nostro incubo non è quello di saperci costruire una Fan Page su Facebook, quanto il capire cosa pubblicare giorno per giorno”; il che significa che gli strumenti ci sono tutti e mi insegnano anche ad usarli, ma poi perché abbandono precocemente?

A volte si pensa che solo grazie a delle indicazioni  operative si possa gestire una fan page, offrendo sconti e coupon, organizzando eventi o facendo campagne sponsorizzate a target variamente articolati, ma che poi sia rimasto perplesso quando, a monte, si è scontrato con una difficoltà che mai avrebbe ammesso di avere: saper comunicare on-line.

Infatti, la difficoltà nel pubblicare: contenuti divertenti/di valore per gli altri; contenuti che fanno capire chi siamo, come siamo e che cosa ci piace; contenuti che fanno crescere e stimolare le relazioni; contenuti che ci realizzino come persone; contenuti che fanno conoscere il nostro Brand o le Cause che ci interessano, sono la causa di precoci abbandoni e di crescente disaffezione verso il mondo online così complesso da capire.

A questo ci aggiungiamo le paure (T. Oppong) di non avere talento, di aver esaurito le idee, di essere criticato, di avere idee scontate, che qualcuno l’abbia detto meglio di te…..

Ma allora, data la situazione quale potrebbe essere la via d’uscita? Quale ricetta? Ci vuole tantissimo esercizio ed un apprezzabile supporto da parte di persone competenti, che da una parte rafforzino la capacità di scrivere dei buoni testi e, dall’altra, di scrivere frequentemente  e di dare spazio sempre alle emozioni (p.es. le foto e i video aiutano molto).

La strada da percorrere è ancora lunga perchè la scarsità di mezzi economici a disposizione delle piccole attività non consente di affidare a terzi la gestione della propria visibilità online; quindi, c’è da sperare che con la buona volontà, tanta pazienza e la necessaria formazione, ci si rimbocchi le maniche e si scopra da soli, magari anche attraverso periodi di ‘accompagnamento’ formativo (insegnare a pescare), il senso della propria esistenza online.

E proprio di ‘accompagnamento formativo’ parleremo nell’incontro sul Business Digitale per le MPMI, organizzato per il 1 aprile dalle 9,00 alle 13,00 presso il Warehouse Coworking Factory di Marotta, la cui iscrizione è possibile effettuare al link: https://goo.gl/forms/zi6gnA0zKqo44WfJ3.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2017 alle 17:43 sul giornale del 21 marzo 2017 - 645 letture

In questo articolo si parla di alberto di capua

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHDy

Leggi gli altri articoli della rubrica NeT aT wOrK