x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > SPORT
comunicato stampa

Calcio a 5, Serie D: Pesaresi bussa due volte, il Ciarnin stende la capolista Candia

3' di lettura
1016

da A.S.D. Ciarnin


Si chiude nel migliore dei modi un 2016 ricco di soddisfazioni per l'ASD Ciarnin; venerdi sera i ragazzi di Valenti hanno avuto la meglio sulla capolista Candia Baraccola Aspio, rilanciandosi prepotentemente in chiave promozione e riducendo le distanze dalla vetta ad appena 2 punti.

La gara è inizialmente molto tattica, i gialloblu pressano alto fin da subito provando a mettere in difficoltà gli ospiti nell'uscita col pallone, il Candia però è ben disposto in campo e regge l'urto dei padroni di casa. Le migliori occasioni nella prima frazione sono comunque per il Ciarnin, con gli inserimenti sul secondo palo di Valenti e Stefano Lucertini che fanno gridare al gol, ma a passare in vantaggio al sono i biancoblu anconetani, che chiudono avanti il primo tempo alla rete di Gigli, abile a sfruttare un'errata disposizione difensiva dei gialloblu sugli sviluppi di un calcio di punizione. 1-0 dopo i primi 30' dunque, nonostante un predominio territoriale netto da parte del Ciarnin che la squadra non è riuscito a tradurre in gol.

Nella ripresa l'inerzia della partita cambia repentinamente, buona parte del merito va al bomber Andrea Pesaresi, che sale in cattedra nel giro di una manciata di minuti: prima è abile a ribadire in gol la sua stessa conclusione a rete, che la difesa respinge sui suoi piedi, poi firma il sorpasso ricevendo in area direttamente su rilancio di Bartolucci, stoppando magistralmente col petto e concludendo in girata accarezzando la palla quel tanto che basta per beffare l'estremo difensore ospite. La doppietta d'autore del numero 7 stordisce il Candia che si disunisce nel timido tentativo di gettarsi in avanti per ribaltare il risultato, ad avere le occasioni migliori però è il Ciarnin, che sfiora due volte il 3-1 con le conclusioni di Latini e ancora Pesaresi che finiscono a lato di pochissimo. A 5' dalla fine gli ospiti giocano la carta del portiere di movimento, ma la retroguardia retta da Bolognesi, granitico nonostante i problemi fisici, e Romanucci, abile nel limitare il talento del Candia Mariani (giusto un tiro in porta pericoloso, sul quale Bartolucci è superlativo), regge senza troppi patemi e il Ciarnin può festeggiare il sesto risultato utile consecutivo, quinta vittoria nelle ultime 6 gare..

Queste le dichiarazioni del mister a fine partita: "Prestazione da squadra che sta pian piano iniziando a maturare. Vincere due partite consecutive di un gol, sapendo soffrire, è sintomo di squadra matura e compatta. Ieri era una partita difficile, perché era delicata in chiave classifica. Sapevamo di incontrare una squadra estremamente in fiducia e quindi molto difficile da affrontare. In effetti è stato cosi, squadra organizzata e ben messa in campo,ci ha concesso davvero poco. Il Candia ha vinto quasi tutte le partite,anche in campi difficili,e questo dimostra il peso e l'importanza di questa vittoria. In chiave classifica poi vale ancora di più. In caso di sconfitta ci saremmo trovati ad 8 punti dal primo posto, anche se ci aspettano altre 17 partite se non sbaglio. Poi c è la componente morale/fiducia, loro vincendo ne avrebbero presa ulteriore. Per quanto riguarda noi invece,arriviamo alla sosta a meno 2 dalla vetta, in grande salute e con la consapevolezza di essere li a giocarcela. Vedremo se ci piacerà giocare,io credo di sì".

Finisce dunque 2-1 il big match dell'11^ giornata di Serie D, l'ultima prima della sosta natalizia: il Ciarnin chiude il 2016 al quarto posto alla pari con l'Anconitana, a -2 dal Candia che resta capolista e dietro a Palombina e Montemarciano, con quest'ultima che deve ancora scontare il turno di riposo. La ripresa del campionato è fissata per sabato 7 gennaio, quando i ragazzi di Valenti faranno visita all'Anconitana, altro big match che dirà molto sulle ambizioni di promozione di entrambe le squadre.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-12-2016 alle 13:00 sul giornale del 19 dicembre 2016 - 1016 letture