Complanare: Mangialardi, "Sì alla mini-bretella di collegamento con Sant'Angelo"

maurizio mangialardi 2' di lettura Senigallia 11/02/2016 - Una mini bretella tra Sant’Angelo e la companare? Sì. Anzi, si deve fare. Il sindaco Maurizio Mangialardi fa chiarezza su una questione balzata all’ordine del giorno con l’ultimazione dei lavori della complanare sud e l’imminente apertura per giugno.

Con il delinearsi del tracciato definitivo del secondo tratto della complanare, quella che va dal casello autostradale al Ciarnin, è emerso con forza il tema legato alla mancanza di un collegamento alla complanare dalla zona di Sant’Angelo. Questione sollevata anche dagli imprenditori, dai commercianti e anche da molti cittadini. In effetti chi, provenendo dalla zona di Sant’Angelo-viale dei Pini, volesse utilizzare la complanare per dirigersi verso nord, dovrebbe percorrere un giro tortuoso e lungo fino al casello autostradale passando per via d’Aquino e ponte Zavatti. Il gioco non vale la candela. Di qui le perplessità di molti sul perché non sia stata realizzata una mini bretella di collegamento diretto con la complanare.

“Oggi, che il tracciato della complanare e i suoi benefici sono palesi, tutti notato che manca un collegamento tra viale dei Pini e la rotatoria di Sant’Angelo con la complanare ma in pochi si ricordano della battaglia che ci fu a suo tempo quando, contro questa previsione da parte di comitati e via dicendo –ricorda il sindaco Maurizio Mangialardi- all’epoca in cui si decise insieme a Società Autostrade i dettagli della complanare non c’erano le condizioni per realizzare quella mini bretella, oggi tanto invocata. Anzitutto l’area non era né di proprietà del Comune né di Società Autostrade, inoltre l’ipotesi di una strada non era contemplata dal piano regolatore e c’era poi un comitato (quello di viale dei Pini ndr) che ostacolò fortemente questa previsione. Come Comune non avevamo la forza per poter insistere con Società Autostrade, non c’erano insomma le condizioni. Diverso invece il caso di mini bretelle o interventi importanti realizzati come quello della galleria di borgo Coltellone. In questo caso l’area era già di proprietà di Società Autostrade e gli interventi migliorativi che abbiamo introdotto sono stati fattibili”.

Nonostante tutto la realizzazione di una mini-bretella che colleghi Sant’Angelo alla complanare non è archiviata. “La mia volontà oggi come allora è quella di creare questo importante collegamento –afferma il primo cittadino- oggi abbiamo la variante urbanistica che ci mette nelle condizioni di poter realizzare quella strada. La variante è infatti stata adottata alla fine del mio precedente mandato. Ovviamente servono risorse, almeno 800 mila euro, per un tracciato di circa 200 metri, ma l’ipotesi è concreta e la volontà c’è”.








Questo è un articolo pubblicato il 11-02-2016 alle 07:32 sul giornale del 12 febbraio 2016 - 4228 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atxA





logoEV