Pd Senigallia: 'In Consiglio comunale troppe mozioni del M5S inutili per il nostro territorio'

partito democratico 3' di lettura Senigallia 05/12/2015 - Il termine Amministrare significa: “prendersi cura dell’organizzazione e della gestione di un ente, di un bene, di un’attività pubblica o privata”; questo è quanto il nostro gruppo consiliare del Partito Democratico in collaborazione con il resto della maggioranza fa; purtroppo però il nostro lavoro viene rallentato se non addirittura bloccato troppo spesso dal metodo dai consiglieri Pentastellati i quali si occupano molto di più delle questioni di competenza della Regione, dello Stato o addirittura dell’Unione Europea piuttosto che a quelle della nostra città.

Ci troviamo ogni mese sommersi da documenti da discutere in Consiglio Comunale o in Commissioni che non hanno niente a che vedere con la nostra città, mozioni provenienti dalla “rete” presi con un “copia” e riproposti con un “incolla” su una carta intestata “Movimento 5 Stelle - Senigallia” e così perdiamo tempo utile che potremmo dedicare a situazioni importanti per il nostro comune.

L’attuale situazione di emergenza del comune di Livorno governata dal sindaco del Movimento 5 stelle Filippo Nogarin, con le sue strade piene di immondizia non raccolta da ormai 6 giorni e per la quale si sta vivendo una situazione di emergenza soprattutto sul piano della sicurezza sanitaria, dimostra che governare una città non è un gioco.

Risolvere il problema dell’azienda municipalizzata della nettezza urbana afflitta dai debiti era forse più importante di presentare una mozione per far cambiare il nome della via Grande in via Che Guevara.
Tornando sull’argomento rifiuti, a Senigallia la raccolta differenziata oggi sfiora il 70%, risultato reso possibile da una scelta coraggiosa e lungimirante da parte della nostra Amministrazione, accompagnata da strategie valutate insieme a tecnici specializzati che hanno permesso alla nostra città di raggiungere questo risultato. Anche la SERR (Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti) promossa dall’assessorato alla città sostenibile, nella scorsa settimana, ci ha fatto ragionare su: spreco alimentare, riuso e riciclo, introducendo buone pratiche che devono portarci a ridurre ancora il rifiuto indifferenziato.

Questi sono percorsi sui quali investire tempo ed energie per indurre il cittadino a un cambiamento di abitudini e comportamenti che rendono la nostra vita compatibile con l’uso delle risorse che sono, invece, sempre più limitate.
Queste azioni che si sono intraprese da tempo ci vedono assoluti protagonisti all’interno della nostra provincia dove siamo, a parità di numero di abitanti, la città con la più alta percentuale di raccolta differenziata.

Gli esponenti del M5S, si sentono continuamente protagonisti di vivaci campagne elettorali, dove la realtà non la fa certo da padrone, basti pensare al sindaco Pizzarotti di Parma che aveva promesso, nel caso in cui fosse stato eletto, di smontare l’inceneritore e di portarlo in Russia. Lui è stato eletto ma l’inceneritore è rimasto a Parma e in piena attività, forse perché senza grandi sforzi ha toccato con mano quel ritorno economico che gli ha permesso anche di applicare la tariffa puntuale.

Oggi Senigallia è una città di qualità: nei servizi alla persona, nella struttura urbana, nel livello di vita e nella sua capacità attrattiva, frutto di cinque anni di buon governo.
All’inizio di questo secondo mandato il Sindaco Mangialardi ha presentato le linee programmatiche coerenti con il programma della passata campagna elettorale vissuta tra la gente con la serenità di chi, con consapevolezza e realismo, prende atto delle criticità, risultato di una crisi economica nazionale ancora persiste, ma anche delle potenzialità della città.
Lavoriamo per un progetto di città preciso e ambizioso, vogliamo essere e rimanere la città di tutti.


da Gruppo Consiliare del Partito Democratico





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2015 alle 17:57 sul giornale del 07 dicembre 2015 - 911 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, pd, Gruppo Consiliare del Partito democratico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/arld


1. Non lo decide il partito democratico quali siano le mozioni utili o inutili, anche se pensano d'essere il padreeterno (probabilmente convinti dal dottor Renzi, noto riformista ma senza essere stato eletto, che è proprio delle democrazie).

2. Siete contraddittori e ipocriti.

Prima criticate il fatto che non si debba dibattere su questioni di competenza della provincia (di ancona) e della regione (marche), che almeno sono quelle dove si trova senigallia, poi criticate Livorno e Parma.

Siete in ritardo, Livorno è pulita e Nogarin ha dovuto sanare un buco di 42 milioni di euro lasciati dal partito democratico nella precedente gestione.

Almento quando riprendete le notizie aggiornatevi, invece di scimmiottare l'unità, noto quotidiano "democratico" nella sua TERZA rifondazione.

La questione di Parma, che voi criticate ma difendete (da buoni ipocriti condividete la necessità di lasciare l'inceneritore per "quel ritorno economico" ma criticate lo spostamento) è un po' più complicata, come il fatto di non averlo capito, dal vostro comunicato, dimostra ampiamente.

La città di qualità che voi rivendicate è strozzata dal traffico e dall'inquinamento (a proposito, come mai dopo le 8.30 nei giorni feriali continuano a circolare furgoni degli anni '80 in pieno blocco antiinquinamento? dove sono i valori del pm10? come mai i veicoli a carburatore girano tranquillamento, emettendo idrocarburi incombusti enormemente più pericolosi del pm10?).

Sui lungomari si marcia a velocità autostradale, vi sono incidenti assurdi in pieno centro abitato.

Il misa è intasato e pieno di canne un'altra volta e cosi via.

Dove sarebbe la qualità?

Mangialardi ha vinto esclusivamente perchè, dopo aver permesso a senigallia di finire sott'acqua, ha promesso i risarcimenti.

Purtroppo Renzi sembra non abbia destinato nulla a Senigallia.

E le "linee programmatiche" (quali?) non c'entrano nulla.

L'intelligenza di Mangialardi si evince ampiamente anche dal commento ad una signora importunata nel parcheggio dell'ospedale, in cui si chiedeva l'allontanamento dai PARCHEGGI, che mangialardi ha interpretato come espulsione dall'italia.

Snocciolando, peraltro, tutta una serie di "non è di nostra competenza" riferendosi ai vigili.

Se tanto mi da tanto qualcosa che non quadra c'è....

Luigi Alberto Weiss

07 dicembre, 08:10
Il tradizionale sentimento stalinista del PD, che crede in una sua "superiorità morale" in base alla quale tutto ciò che è al di fuori del suo modo di pensare e vedere la società è sbagliato e da condannare. I Cinquestelle saranno pure acerbi e un po' svagati nella loro azione amministrativa, con la cieca fede nella "rete", ma voi del PD state cancellando qualsiasi conquista economica e sociale attraverso provvedimenti decisamente classisti, come la cancellazione pratica dello statuto dei lavoratori, la privatizzazione forzata della scuola e della sanità, i regali alle banche truffatrici, la rapina dei finanziamenti ai Comuni che per assicurare i propri servizi saranno costretti ad aumentare tasse e tariffe locali e via discorrendo. Signori del PD, abbiate la decenza di stare zitti prima di salire in cattedra a dare lezioni di correttezza e coerenza politica.

Non conosco vergogna, si lodano e si sbrodano ogni 3x2, ma come sempre non hanno il coraggio di mettere un "nome e cognome" come firma ai comunicati perchè così non sapremo mai chi è l'autore delle "Pinocchiadi"!

R I D I C O L I !!!

Nicodemo

08 dicembre, 13:12
Commento sconsigliato, leggilo comunque

massimo giannini

08 dicembre, 20:14
non ne vale piu' la pena................




logoEV