contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CRONACA
articolo

Autista di Bucci aggredito durante una corsa serale, aveva sopreso una albanese senza biglietto

2' di lettura
9008

autobus bucci
Autista del trasporto pubblico locale aggredito mentre svolge il servizio di corsa serale. Un brutto episodio, purtroppo non isolato, capitato l’altra sera. La vittima, un autista delle autolinee dell’Atma-Bucci che stava rientrando verso Senigallia dalla statale Nord.

Durante il tragitto ad una fermata è salita una ragazza, sembrerebbe da quanto riferito da alcuni testimoni, una giovane di nazionalità albanese. La ragazza però non aveva il biglietto di viaggio. L’autista, che ha svolto perfettamente il suo compito, ha chiesto alla giovane di esibire il titolo di viaggio. La donna però avrebbe iniziato a dare in escandescenza urlando e insultando l’autista. Purtroppo la cosa non è finita lì. Poco dopo, ad una fermata successiva, è salito a bordo il compagno e connazionale dell’albanese, probabilmente avvertito dalla stessa.

L’uomo, senza pensarci due volte, ha aggredito l’autista colpendolo in pieno visto con un pugno. L’autista ha riportato alcune ferite al volto e delle lesioni causate dalla rottura degli occhiali da vista. L’episodio è stato denunciato alle forze dell’ordine che ora indagano sull’accaduto. Una vicenda che ripropone con forza il tema della sicurezza degli autisti delle autolinee del trasporto pubblico locale, troppo spesso alle prese con passeggeri indisciplinati, maleducati e anche violenti che, come nel caso dell’altra sera, non ci pensano due volte ad aggredire il malcapitato di turno. Già in passato il sindacato della Cisl aveva lamentato i gravi rischi cui sono esposti gli autisti, soprattutto nelle ore serali, nello svolgimento del servizio.

Secondo le denunce del sindacato, gli autisti vengono spesso minacciati, insultati e nei casi peggiori anche aggrediti. Un problema che coinvolge anche la sicurezza dei passeggeri perché spesso gli autisti devono intervenire anche per calmare individui alticci e su di giri che infastidiscono gli altri passeggeri. Proprio a causa della grande responsabilità in capo agli autisti che, oltre a lavorare sulla strada, hanno in mano la sicurezza dei passeggeri, erano stati chiesti più controlli, sia al personale delle autolinee del trasporto pubblico che alle forze dell’ordine.



autobus bucci

Questo è un articolo pubblicato il 24-07-2015 alle 23:35 sul giornale del 25 luglio 2015 - 9008 letture