Lega Nord: 'Non ci è stato permesso protestare davanti al teatro La Fenice. Democrazia calpestata'

Lega Nord 3' di lettura Senigallia 07/07/2015 - “In una democrazia che funziona i cittadini devono essere partecipi e protagonisti”, parole di Don Ciotti e pienamente condivise, ma se ai cittadini è vietato protestare come è successo sabato mattina davanti al teatro La Fenice a noi della Lega Nord, rimangono solo belle parole e la democrazia è calpestata.

La Lega Nord Senigallia era presente e solo armata di bandiere, cartelloni e fischietti ma fatta allontanare dalle autorità di sicurezza per mancanza di permesso di autorizzazione. Per questo motivo, noi della Lega Nord, chiederemo alla autorità competente dei chiarimenti riguardo i rilascito dei permessi alla manifestazione organizzata dai “democratici” centri sociali nostrani, contro il comizio elettorale di Matteo Salvini lo scorso maggio. Verificheremo se tale manifestazione sia stata autorizzata e se comprendeva anche il lancio di uova, pigne e bombe carta , causando ferimenti di alcuni cittadini persenti al comizio. Cosa più avvilente e squallida con a capo personaggi politici locali, assessori e consiglieri della allora maggioranza. Su questo episodio la Lega andrà fino in fondo, e se è necessario agiremo nelle sedi opportune.

Tornado all’argomento di riferimento, lo scopo della Lega era quello di contestare pacificamente la persidentessa della Camera dei Deputati , on Laura Boldrini (SEL) e l’on. Rosy Bindy (PD), ospiti peresso il teatro La Fenice per un dibattito pubblico sulla corruzione e mafia. Ciò che la Lega contesta alla signora Boldrini, sono i suoi pensieri politici a dir poco mirabolanti di come intende gestire l’ invasione indiscriminata e massiccia dei migranti in Italia, e pretendere di dare a tutti assistenza gratuita in alberghi e resort , pagati con soldi dei contribuenti italiani. Ospitalità, al dire della Boldrini, anche di accogliere in casa propria dei clandestini, dimenticando con un piccolo particolare, che ancora in casa Boldrini questo slancio di generosità a lei è sconosciuto.

Secondo la Lega, gestire questo flusso biblico di migranti e farlo drasticamente ridurre, è intervenire pesantemente su chi organizza e chi ci guadagna in questo drammatico commercio umano, per poi dare assistenza alle popolazioni africane coinvolte in aiuti finanziari e strutturali direttamente nei loro stati. Alla signora Bindy, contestiamo il fatto che il suo partito il PD, è coinvolto in tutta Italia in corruzioni e connivenze malavitose in diverse regioni d’Italia a carattere camorristiche –mafiose. Leggiamo quasi giornalmente e senza più stupirci , nomi importanti e di alto livello del Partito Democratico coivolti in scandali quali, Cooperative, banche, rimborsi regionali sperpero di danaro pubblico, gestione di centri di accoglienza per migranti, con arresti e indagati da parte di diverse procure nazionali. Dalla signora Bindy, alla luce dei fatti, non pretendiamo lezioni di legalità e giustizia, anzi, consigliamo al presidente di Commissione Antimafia Nazionale, di fare tanta pulizia e trasparenza dentro in suo partito, e poi parlare di giustizia e traspareza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-07-2015 alle 16:07 sul giornale del 08 luglio 2015 - 940 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, lega nord, Lega Nord Senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alCE





logoEV
logoEV