contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
comunicato stampa

Mangialardi a La 7: "Il Parlamento acceleri sull'approvazione della legge sul consumo del suolo"

1' di lettura
3086

dal Comune di Senigallia
www.comune.senigallia.an.it


“Come sindaco di una realtà gravemente colpita da un’alluvione costata ben tre morti e milioni di euro di danni, mi sento particolarmente vicino ai cittadini di Genova e al collega Marco Doria, al quale esprimo tutta la mia solidarietà. Credo sia necessario che il Parlamento italiano acceleri sulla approvazione della legge sul consumo del suolo per dare ai Comuni riferimenti legislativi chiari e trasparenti su cui muoversi. Comuni che, come nel nostro caso, stanno già procedendo con coraggio alla revisione dei piani regolatori per ridurre le aree fabbricabili”.

Così il sindaco Maurizio Mangialardi, intervenendo come ospite a “L’aria che tira”, il talk show televisivo di La 7 condotto da Myrta Merlino, nella puntata dedicata al dissesto idrogeologico.

Mangialardi ha poi ricordato la tragica alluvione che ha colpito Senigallia e il grande impegno dei volontari per soccorrere la popolazione e ripulire la città da fango e rifiuti: “Anche a Senigallia, a fianco delle istituzioni che hanno funzionato, abbiamo potuto contare sul generoso impegno e il senso civico di tanti cittadini e della Caritas che, oltre a prestare i primi soccorsi alla popolazione, hanno contribuito a ripulire la città da oltre mille tonnellate di rifiuti in appena dieci giorni”.

Sollecitato anche rispetto alle polemiche di questi giorni sull’assenza delle istituzioni a Genova, il sindaco ha risposto: “Noi abbiamo sentito forte la presenza dello Stato: da parte del primo ministro Matteo Renzi e dei ministri Martina e Galletti, giunti immediatamente a Senigallia, non abbiamo assistito a passerelle, ma all’assunzione di impegni concreti e in parte già mantenuti con lo stanziamento di 5 milioni di euro per coprire le spese sostenute dal Comune”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-10-2014 alle 16:15 sul giornale del 16 ottobre 2014 - 3086 letture