Perini (Udc): 'Fare subito chiarezza sul caso Ventura'

Maurizio Perini 1' di lettura Senigallia 24/08/2014 - Il caso sconcertante di Amelio Ventura pensionato di 80 anni che si è visto consegnare dall'impiegato un foglio di prenotazione per il 15 giugno 2016, ci ha fatto molto riflettere. 



Il gruppo che da diverso tempo segue con attenzione le tematiche legate alla sanità ha voluto approfondire la questione delle prenotazioni e della efficienza del sistema che sta alle spalle di tutto questo. Personalmente ho voluto parlare con il sig.Ventura, conosciuto tanti anni fa e sempre rimasto persona cordiale e disponibile. Ho riscontrato lo sconcerto di un signore di 80 anni che però non perde il senso dell’ironia e che probabilmente ha espresso quello che tanti altri vorrebbero dire.

Abbiamo potuto leggere anche le spiegazioni dell’assessore Volpini, tuttavia non abbiamo compreso come sia stato possibile da un lato che una pubblica amministrazione presente sul territorio della nostra città abbia consegnato nelle mani di un paziente una carta con la data del 2016, fatto questo che rasenta la follia. Infine non ci è risultato chiaro né il meccanismo scaturito dall’incontro tra medici di famiglia e cardiologi né se questo procedimento che consentirebbe di evitare queste assurdità, sia stato realmente comunicato a tutti i medici di famiglia, dal momento che se così fosse il caso Ventura non ci sarebbe stato.

Dunque, dal momento che la questione è stata affrontata nello stesso articolo dall’assessore abbiamo ritenuto di formulare una interrogazione scritta per il prossimo consiglio comunale di Settembre, dove confidiamo ci siano dati ulteriori ed un quadro più chiaro per tutti i cittadini senigalliesi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-08-2014 alle 17:51 sul giornale del 25 agosto 2014 - 3468 letture

In questo articolo si parla di udc, politica, maurizio perini e piace a michele

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/8Sh


renzo francesconi

25 agosto, 04:38
La meravigia del Sig. Perini mi pare fuor di luogo...! E' infatti "normale" che a Senigallia le prenotazioni per Visite/esami abbiano scadenze siderali: io stesso per delle analisi (ecografia) di mia madre (91 anni) avevo ricevuto una programmazione a 10 mesi.
I Senigalliesi lo sanno bene ma, gli viene detto (cosa non vera) che in tutta Italia e' cosi'...e loro vanno "a pagamento"
Provino a verificarlo (per esempio) in Lombardia...cosi' si accorgeranno delle differenze!

Antonio Carletti

25 agosto, 08:34
Buon giorno si è svegliata la "politica"! Non so se il consigliere Perini abita a Senigallia o in un'altra città , ma è da tempo immemorabile che ,tranne pochissime eccezioni ,le prenotazioni funzionano così ! Di ridurre le liste di attesa si parla solo in prossimità delle elezioni per poter attrarre voti, poi ovviamente non se ne fa nulla! D'altra parte cosa si può pretendere da un sindaco, assessori e consigliere comunale (quest'ultimo ci lavora) che vanno ad inaugurare un laboratorio analisi privato! A loro la sanità pubblica non interessa.

giuliano giacomini

25 agosto, 08:38
E' verissimo che la situazione è così da sempre e quini mi sembra fuori luogo una esternazione di sorpresa da parte soprattutto di un politico locale. Come cittadino mi aspetto invece da anni che qualche esponente politico approfondisse con attenzione le metodologie operative di tali servizi e ci informasse con precisione delle ragioni per cui certe prestazioni sanitarie pubbliche sono disincentivate da lunghissimi tempi di attesa e costringono i cittaini a recarsi dal privato. Ma chi sono i privati? Gli stessi che lavorano nelle strutture pubbliche ?

tex53 Utente Vip

25 agosto, 08:49
Abbiamo scoperto l'acqua calda..... c'era bisogno di farci un articolo... come ha fatto mia madre che ha 90 anni se è urgente si prenota a Villa Silvia e in una sttimana glielo fanno.....

Se consideriamo che il "Caso Ventura" è l'articolo più letto di VS da tre giorni forse la cosa tanto scontata non è.

Tarcisio Torreggiani

25 agosto, 11:42
Cari Perini e Giacomini, E' vero nulla di eccezionale questa è la sanità che vuole Spacca. semmai io mi domando come fanno le OO.SS a tacere e a sottoscrivere tutti i protocolli d'intesa ammanniti dalla Regione e dal Comune.

Mario Bertoni

25 agosto, 15:25
Ha fatto bene Perini a sottolineare il fatto.u