contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

'Alluvione: capire cosa è successo', pubblicate le relazioni tecniche

1' di lettura
3174
da Confluenze

alluvione a senigallia
Lo scorso 12 giugno, grazie all'associazione Confluenze ed ad alcuni comitati di cittadini alluvionati, è stato possibile ragionare lucidamente e confrontarsi pubblicamente su cosa è accaduto il 3 maggio al nostro fiume Misa: un primo approfondimento tecnico per iniziare a capire, con dati oggettivi alla mano, e un approccio scientifico in testa.

E soprattutto con un obiettivo primario: adoperarsi per mitigare il rischio idrogeologico nella nostra zona, perché avvenimenti come quello del 3 maggio non accadano più, o per lo meno, non con quella gravità.

Oltre a poter riascoltare la registrazione completa della conferenza, pubblicata da Radio Monk e dal blog Popinga, da oggi è possibile rivedere le quattro relazioni tecniche accompagnate dalle stesse diapositive proiettate durante il convegno. Questo l'indirizzo:
https://www.youtube.com/playlist?list=PLV8ySyB0-gbtK_d4X2r0T7VnOF0wHFSj3

Il dott. Maurizio Ferretti, responsabile del Centro Funzionale della Protezione Civile della Regione Marche, illustra i contenuti del rapporto preliminare d'evento
https://www.youtube.com/watch?v=H9xdZ018aYc

Luciano Montesi, presidente dell'Associazione Confluenze, mostra i risultati del sopralluogo presso il fiume, compiuto nei giorni immediatamente successivi al 3 maggio.
https://www.youtube.com/watch?v=2RHkX8rktUU

L'ing. Arnaldo Giuseppe Fornaroli tratta il tema della portata del Misa, focalizzandosi in particolare sulle aree in prossimità della foce, dove sono presenti diversi ponti e il fiume è canalizzato.
https://www.youtube.com/watch?v=i2bI7LUPCac

Il dott. Marco Brunelli, geologo professionista, concentra la sua attenzione sull'intero sistema fluviale, i cambiamenti climatici, i rapporti con il territorio circostante e l'urbanizzazione.
https://www.youtube.com/watch?v=ZLdrwygQl-Q



alluvione a senigallia

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-06-2014 alle 17:30 sul giornale del 17 giugno 2014 - 3174 letture