Malih: ecco come voteranno gli stranieri comunitari alle prossime comunali

Mohamed Malih 3' di lettura Senigallia 23/01/2014 - A Senigallia vivono circa mille cittadini non italiani ma comunitari che hanno diritto di voto sia per le imminenti elezioni europee che per le comunali del 2015. Per la prima volta gli stranieri contribuiranno in maniera importante alla scelta del futuro sindaco, perché rappresentano oltre il 3% dell'elettorato. Ma per chi voteranno gli stranieri di Senigallia? Lo abbiamo chiesto al mediatore culturale Mohamed Malih.

VS: Chi sono gli stranieri comunitari a Senigallia? Sono per lo più rumeni o ci sono anche altre nazionalità? Ad esempio credo ci sia una nutrita comunità inglese, sbaglio?
Malih: Al 31/12/2012 i cittadini stranieri residenti sono 3.736 (di cui 911 comunitari e 2.825 non comunitari). Le comunità più numerose sono: romena con 375 residenti, albanese 294 e ucraina 250. Gli inglesi non sono tanti: una ventina.

VS: Gli stranieri comunitari che risiedono a Senigallia sanno di poter votare per le elezioni europee ed anche per quelle comunali?
Malih: Nelle scorse europee il tasso dei partecipanti comunitari al voto è stato molto basso. C'è poca informazione e senisibilizzazione su questi temi. E qui anche a livello di ammistrazione locale si può fare molto di più. Già nel 2009 il Ministero dell'Interno, direzione centrale servizi elettorali, con una circolare, la n.2 del 22 Gennaio, mentre dava istruzioni operative di voto ai cittadini comunitari, richiedeva anche di diffondere le informazioni utili all'esercizio di questo diritto.
Attualmente è in corso una campagna, promossa dal Cospe, Operation vote , che ha come obiettivo quello di promuovere l’inclusione dei cittadini comunitari nella vita politica del paese in cui risiedono e far valere così i loro diritti, partecipando alla cosa pubblica. Sarebbe auspicabile in qualche modo replicarla anche a Senigallia e nelle Marche. Come sta facendo Anci Toscana. Tenendo conto che il tempo stringe: i cittadini comunitari residenti hanno tempo solo fino al 24 febbraio per iscriversi nelle liste elettorali aggiunte.

VS: Gli stranieri comunitari come vedono la politica cittadina? Hanno posizioni comuni o si dividono per nazionalità?
Per una città delle dimensioni di Senigallia, per le elezioni comunali, circa mille voti rappresentano una fetta importante dell'elettorato e possono incidere in maniera determinante sui risultati delle urne.
Da quel che vedo però non è che ci sia molto interesse, come molti italiani, d'altronde. Si vive la politica come qualcosa di distante.
A Senigallia abbiamo ben due consiglieri stranieri aggiunti che potrebbero fare molto in questo senso. Ma è come se non ci fossero, tanto è il loro silenzio. Non dico sempre, ma ogni tanto qualche segno di vita potrebberlo darlo.
Su come votano gli stranieri comunitari l'unica cosa che mi sento di dire è che difficilmente daranno il loro voto a quelle forze che vedono negli stranieri l'origine di tutti i problemi cittadini.

VS: Anche i residenti non comunitari chiedono con insistenza il voto alle amministrative. Pensi che questo desiderio di molti possa divenire realtà a breve?
A breve non credo. Ma mai dire mai: fino a non molto tempo fa nessuno avrebbe detto che ci saremmo trovati con un deputato di origine marocchine, Khalid Chaouki, e addirittura con un ministro dalla pelle nera (la ministra Kyenge).








Questa è un'intervista pubblicata il 23-01-2014 alle 17:22 sul giornale del 24 gennaio 2014 - 2662 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, elezioni, mohamed malih, politica, stranieri, intervista, stranieri comunitari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Xs4