Blitz della Guardia Costiera sulla spiaggia libera: sequestrato materiale abbandonato

1' di lettura Senigallia 02/07/2013 - Dopo numerose azioni preventive è scattata all’alba di martedì un'operazione dell'Ufficio Locale Marittimo finalizzata alla repressione dell’abusivismo sul demanio marittimo e precisamente dell’abbandono sulla spiaggia libera del lungomare Mameli di materiale vario e attrezzature da spiaggia.

All’operazione ha partecipato personale dell’ufficio locale marittimo, diretto dal comandante Antonio Montinaro, personale della Polizia Municipale e tecnici del comune di Senigallia. Il blitz ha ha portato al sequestro di 7 natanti da diporto, un pedalò, 4 carrelli, 15 basamenti per ombrelloni e 8 pneumatici.








Questo è un articolo pubblicato il 02-07-2013 alle 17:45 sul giornale del 03 luglio 2013 - 7979 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, guardia costiera, spiaggia libera

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/OY9


gek Utente Vip

02 luglio, 19:58
ha proprio ragione questa amministrazione,
i pedalò in spiaggia sono un EMERGENZA grave, urgente e priorità.

mandiamo l'esercito

Se vuoi farti chiamare "spiaggia di velluto", tener pulita la spiaggia è una priorità. I Senigalliesi non dovrebbero sputare nel piatto dove mangiano...

Chissà perché non passano anche durante l'ora di cena quando i vari locali mettono i tavolini sino a riva ...

Il demanio è dello stato, ovvero di tutti i cittadini.

Essi, i cittadini, pertanto, sarebbero tenuti ad utilizzarlo nel rispetto degli altri e non, come spesso avviene, ad uso proprio.

Se il regolamento (e la logica) impongono di sgomberare al tramonto ma, in alcuni posti, per settimane si vedono ombrelloni e "aiuole" chi manca di rispetto agli altri?

Il fatto che spesso gli abitanti abusino del terreno pubblico è un dato di fatto, suppellettili lasciati su terreno pubblico, escrementi di cani sui marciapiedi lo testimoniano ampiamente.

Si tratta, nella sostanza, di una questione di decoro, non di priorità.

La guardia costiera, dove ho prestato servizio anch'io, ha, tra le funzioni, il controllo dell'arenile, non la caccia agli assassini.

Dunque eccellente intervento, sperano venga ripetuto varie volte.

Ieri, per la prima volta, passando in bici ho visto tre pattuglie di vigli urbani e due di polizia fare controlli a levante.

Molto bene, finalmente il comportamento civile (indotto) è diventata una priorità in una città dove ognuno fa quello che gli pare.

Non lamentatevi anche per le cose che funzionano!

@wese se vuoi all'ora di cena puoi chiamare la Guardia Costiera e informarli esattamente sui vari locali che mettono questi tavolini

roberto

03 luglio, 16:06
la spiaggia dev'essere pulita, d'accordo, ma quando la ripuliamo di tutti gli abusivi?

Caro il_Duca, non chiamo nessuno e non sto lamentandomi del fatto che tolgano ombrelloni ed altro materiale che non dovrebbe esserci, sto lamentandomi del fatto che dopo cena ci sono ristoranti che mettono i tavolini da tutte le parti e tutti lo sanno ma per questi ultimi non si prendono provvedimenti; forse forse che ci scappa qualche cenetta...




logoEV
logoEV