statistiche accessi

La Allegrezza (Pd) sulla sanità: 'Il nostro ospedale è in crisi e nulla cambia'

Elisabetta Allegrezza 1' di lettura Senigallia 30/05/2013 - Da troppo tempo ormai gli operatori sanitari, le parti sociali e gli utenti lamentano la grave situazione di disagio del nostro ospedale cittadino.

Non possiamo che prendere atto dell'impegno profuso dal nostro Sindaco e dall’Assessore alla Sanità nei confronti della Direzione Sanitaria Regionale al fine di salvaguardare il nostro ospedale di rete. A tutt’oggi però, nonostante le rassicurazioni ricevute dai vertici regionali, nulla è cambiato: non è stato nominato il Primario di Cardiologia, a differenza di quanto avvenuto a Jesi e Fabriano e neppure quello di Radiologia, ci troviamo con attrezzature obsolete e carenza di personale tanto da dover eliminare il servizio dialisi per i turisti con evidenti ripercussioni economiche ed oggi apprendiamo la notizia della chiusura del reparto Degenza Post Acuzie e della sospensione del Servizio Prelievi a domicilio.

Tutto ciò è assolutamente inaccettabile; è bene ricordare che già da anni il territorio della Valle del Misa e del Nevola ha attuato la razionalizzazione attraverso la chiusura dei "piccoli" ospedali di zona, oggi non si può pretendere che il nostro Presidio Ospedaliero venga declassato. È pertanto evidente che in assenza di immediate risposte attueremo tutte le iniziative necessarie a tutelare il nostro ospedale perché il diritto alla salute è un diritto costituzionalmente garantito e per nessun motivo può essere compromesso.


da Elisabetta Allegrezza
segretario Pd




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2013 alle 17:56 sul giornale del 31 maggio 2013 - 3416 letture

In questo articolo si parla di sanità, ospedale, politica, partito democratico, Elisabetta Allegrezza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/NBt





logoEV
logoEV