Amati: ripresentato in Senato il Ddl contro il negazionismo

Silvana Amati 2' di lettura Senigallia 28/05/2013 - La senatrice senigalliese del Pd ha ripresentato, con il collega del Pdl Lucio Malan, il disegno di legge dal titolo "Modifica all'articolo 3 della legge 13 ottobre 1975, n. 654, in materia di contrasto e repressione dei crimini di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra, come definiti dagli articoli 6,7 e 8 dello statuto della Corte penale internazionale".

Il disegno di legge, porta la firma di quasi 100 senatori di tutti i gruppi parlamentari eccetto la Lega e si prefigge di punire le nuove forme di negazionismo dell'Olocausto e dei crimini contro l'umanita', perpetrate anche attraverso i nuovi media. In particolare, sono previste "la reclusione fino a 3 anni e la multa fino a 10 mila euro" per "chiunque pone in essere attività di apologia, negazione, minimizzazione dei crimini di genocidio, dei crimini contro l'umanita' e dei crimini di guerra", cosi' come definiti dallo statuto della Corte penale internazionale o "propaganda idee, distribuisce, divulga o pubblicizza materiale o informazioni, con qualsiasi mezzo, anche telematico, fondato sulla superiorità o sull’odio razziale, etnico o religioso, ovvero, con particolare riferimento alla violenza e al terrorismo, se non punibili come più gravi reati, fa apologia o incita a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, anche mediante l’impiego diretto od interconnesso di sistemi informatici o mezzi di comunicazione telematica ovvero utilizzando reti di telecomunicazione disponibili".

Negli ultimi anni, anche nel nostro Paese e' diventato sempre piu' evidente il drammatico aumento di forme di razzismo e di negazione di fatti storici incontrovertibili, come lo sterminio degli Ebrei o di altre minoranze. E' chiaro che il contrasto di queste forme di alienazione deve essere in primo luogo culturale, di formazione delle giovani generazioni e dell'opinione pubblica, di sviluppo di una sensibilita' civile tollerante e aperta all'altro e al diverso, basata su una conoscenza quanto piu' possibile ampia e critica dei fatti storici. Ma di fronte a fatti specifici, e spesso reiterati, di denigrazione a sfondo razziale e di negazione tendenziosa della verità storica non puo' non esserci anche una reazione sul piano giuridico e penale del sistema democratico. Nella passata legislatura il disegno di legge era stato sottoscritto anche dalla senatrice Rita Levi Montalcini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-05-2013 alle 15:47 sul giornale del 29 maggio 2013 - 4287 letture

In questo articolo si parla di silvana amati, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/NvF


senatrice mi permetto di evidenziarle che c'è qualcosa (molte cose) di più importante, l'Italia è in ginocchio!

Iniziativa fondamentale per la vita di tutti i giorni. Dormirò più sereno stanotte.

Dai commenti sulle riviste on line sembra che la senatrice non abbia molti consensi
E le letture degli articoli siano poche

Non penso che sia una priorità per l'Italia.. e come l'altra uscita per difendere lo spreco di soldi per miss Italia.. Lavoro secondo me inutile per il senato.. in Italia penso che solo gli stolti pensano che l'olocausto non sia avvenuto.. !

Ma io la senatrice non l'ho votata e quindi mi sento a posto con la coscienza.

i parlamentari sono proprio troppi! non sanno cosa fare!

Luigi Alberto Weiss

29 maggio, 18:19
Senatrice, un po' di Marche nella sua attività di questo Parlamento, quando pensa di mettercela? La sua lunga esperienza politico-amministrativa dovrebbe agevolarla nell'occuparsi della regione che l'ha elettaOppure "tutto va ben, madama la marchesa"?

Silvana Amati

30 maggio, 10:46
Di norma ho scelto di non rispondere ai commenti sul mio lavoro in Senato, ben conscia della diffusa abitudine al "benaltrismo", ma sul tema dell'olocausto e del negazionismo ritengo sia giusto derogare.
Potrei dilungarmi sulle tante nuovo avvisaglie di antisemitismo, dall'attentato di Tolosa ad Alba Dorata in Grecia, ai segnali di disagio avvertiti anche in Italia, fino alle oscene dichiarazioni uscite sui siti negazionisti alla morte di Slomo Venezia, l'ultimo diretto testimone dei forni crematori, ma penso più significativo ricordare il testo di Bertolt Brecht perché ciascuno rifletta che la cosa può anche riguardarlo direttamente.
"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari. E fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei. E stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, ed io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare".

Silvana Amati

andrea carancini

03 giugno, 03:34
"Colui che sostiene che coloro che dissentono in modo pacifico su argomenti storici dovrebbero essere privati dei loro diritti civili a causa delle loro vedute divergenti, e cioè: incarcerati, è – se gli viene dato il potere di attuare le sue intenzioni – nient’altro che un tiranno (se promulga leggi per sostenere le sue vedute oppressive) o un terrorista (se agisce al di fuori della legge)".
http://andreacarancini.blogspot.it/2013/05/gerhard-ittner-terrorista-presunto.html

Andrea,
negare l'Olocausto è istigare all'odio razziale, è togliere dignità a chi ha subito 10 milioni di morti (zingari, ebrei, omosessuali).

Questa legge è importante anche perché non si vive di sola economia.

andrea carancini

03 giugno, 09:22
megare l'olocausto è istigare all'odio razziale?
è la panzana di chi dalla verità ha tutto da temere.
in realtà, è esattamente il contrario. è il totalitarismo "culturale" delle "giornate della memoria" che assolve lo stato di "Israele", preventivamente, dal feroce razzismo ivi praticatovi (rendendo possibilis cene come questa: http://www.youtube.com/watch?v=qdeqXQPW7TM).
senatrice amati,
lo sanno i suoi aficionados senigalliesi/semicanagliesi che l'ultima volta che avete provato a presentare quest'obbrobrio siete ricorsi in tutta fretta, per evitare il dibattito in aula, all'istituto FASCISTA della commissione deliberante?
http://andreacarancini.blogspot.it/2012/12/ddl-antinegazionista-per-approvarlo.html

andrea carancini

10 giugno, 07:00
http://andreacarancini.blogspot.it/2013/06/legge-antirevisionista-dietro-il-ddl.html

Daria Utente Vip

10 giugno, 11:50
L'intervento di Andrea Carancini è la dimostradione che il DDL di Silvana Amati proprio inutile non è.

andrea carancini

10 giugno, 15:18
infatti: non è inutile. è anticostituzionale.

andrea carancini

17 giugno, 09:32

Off-topic

http://www.freeebrei.com/discussioni/non-nominare-il-suo-nome-invano-antisemitismo-ebraico-e-antisemitismo-non-ebraico/andrea-giacobazzi-da-historia-magistra-vitae-a-magistrati-della-storia




logoEV
logoEV