statistiche accessi

Sanità, la stagione estiva tra potenziamenti e criticità: Ali, 'Medicina rischia 25 posti letto'

ospedale di senigallia 3' di lettura Senigallia 17/05/2013 - Nuovo piano assunzioni per l'ospedale di Senigallia ma non mancano le criticità. Il nuovo piano assunzioni per l'Area Vasta 2, stabilito giovedì dalla direzione che ha incontrato i sindacati, prevede complessivamente 265 assunzioni, delle quali la metà riguardano il piano estivo.

L'ospedale di Senigallia, che quest'anno non garantirà il servizio di dialisi ai turisti che trascorreranno le vancanze in città “a causa di criticità- spiega la Direzione dell’Area Vasta 2- relative all’obsolescenza dell’impianto osmosi interno e dei frequenti guasti verificatisi negli ultimi mesi, con relativo rischio clinico ed assistenziale”, è pronto a ricevere 21 infermieri e 10 ausiliari.

A livello di personale a Senigallia sono stati concessi 14 infermieri estivi con un contratto di quattro mesi, da giugno a settembre, e 7 con contratto determinato- conferma Ezio Amadio di Ali Sanità- Inoltre il piano assunzioni garantisce al nostro ospedale 10 unità tra ausiliari e operatori sanitari ma ciò che ci preoccupa maggiormente, in questa fase di grande difficoltà, è la mancata risposta alla situzione del reparto di Medicina”. Il reparto rischia infatti la perdita di 25 posti letto.

La direzione dell'Area Vasta 2 prende tempo e non risponde in merito a questa situazione- continua- Medicina è sottorganico e si trova nell'impossibilità della piena funzionalità. Se non viene potenziato immediatamente il personale medico si rischia la perdita di 25 posti letto e i disservizi all'utenza che riempe costantemente il reparto”. Non solo. Senigallia, città turistica che d'estate raddoppia la propria popolazione, ha macchinari datati che non permettono di garantire servizi efficaci e rapidi.

Senigallia è in forte difficoltà. Ha macchinari datati come quello della dialisi- sottolinea Amadio- La manutenzione dei macchinari costa ma il servizio di dialisi estiva non doveva essere eliminato. Era un elemento utile e qualificante per una città che vive di turismo. Inoltre ci sono troppe incongruenze nella distribuzione degli strumenti. Per fare un esempio, il nostro ospedale ha una risonanza magnetica vecchia e lenta. Fabriano ne ha due di nuova generazione e molto più veloci che non riesce neanche ad utilizzare. Occorre quindi rivedere questa distribuzione dei macchinari”.

Intanto però la stagione estiva è ormai alle porte e la spiaggia di velluto, oltre ai nuovi infermieri, è pronta a potenziare il Pronto Soccorso e la guardia medica turistica sul lungomare. Dal 15 giugno al 15 settembre infatti è previsto l'ambulatorio interno al Pronto Soccorso con due medici per la gestione dei codici bianchi e verdi (meno gravi), così da togliere il lavoro al reparto di emergenza, e le due postazioni della guardia medica sul lungomare di Ponente (vicino all'Hotel Bologna) e su quello di Levante (vicino all'Hotel Ritz), operative in fasce orarie. “Questi potenziamenti sono stati confermati ma non ancora concretizzati- conclude Ezio Amadio- Il piano ferie, in cui verranno stabiliti i medici che dovranno occuparsi di questi servizi estivi, sarà argomento di un nuovo incontro con la direzione previsto per la prossima settimana”.






Questo è un articolo pubblicato il 17-05-2013 alle 23:58 sul giornale del 18 maggio 2013 - 1996 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, ali sanità, Ezio Amadio, Sudani Alice Scarpini, ospedale di senigallia, stagione estiva

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/M6M





logoEV
logoEV
logoEV