statistiche accessi

Inseguimento nella notte di Polizia e Carabinieri: tre arresti per detenzione di armi e munizioni

Carabinieri di notte 2' di lettura Senigallia 17/05/2013 - Nel corso della notte tra giovedì e venerdì, una pattuglia del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Senigallia, dopo aver notato, ferma e col motore acceso, in via Podesti, una Mercedes classe A con a bordo tre persone, ha deciso di procedere con un controllo.

A quel punto il conducente dell'auto, intuita l’intenzione dei militari, è ripartito repentinamente e, a velocità sostenuta, si è dato alla fuga per le vie cittadine. Nel corso dell’inseguimento i tre a bordo della Mercedes si sono liberati lanciandoli da un finestrino, di una pistola e di un caricatore, poi recuperati dalle forze dell'ordine. Subito inseguiti dalla stessa pattuglia e successivamente da un'altra del Norm e da una volante del Commissariato di Polizia, i tre sono stati raggiunti e fermati, dopo circa tre chilometri, sul lungomare Alighieri, all'altezza del Ponte Rosso.

Senza non poche difficoltà le forze dell'ordine sono riuscite a bloccare i tre. Si tratta di Marconatonio Gagliardi, 38 anni, originario di Caserta ma residente a Marina di Montemarciano, Alteo Sota, albanes di 23 anni residente a Gravina in Puglia (BA), e Roland Metushi, anche lui albanese, di 26 anni, anche lui di Gravina di Puglia, e come il connazionale residente a Senigallia. Le perquisizioni personali e veicolare hanno consentito di rinvenire a bordo del mezzo 3 passamontagna, 7 parrucche a capello corto, 1 cacciavite, 3 paia di guanti in tessuto, 4 telefoni cellulari, 1 mazzo di chiavi tra cui quelle per serrature blindate di appartamenti, 110 candele in ceramica e metallo per autoveicoli, una forbice con un solo manico in plastica e 1 scatola contenente caricabatterie per apparati walkie-talkie Motorola.

Inoltre sono stati rinvenuti una pistola marca COLT calibro 45 con colpo in canna ed un caricatore con 7 cartucce che i tre avevano lanciato, durante la fuga, dai finestrini della Mercedes. Ulteriori perquisizioni eseguite nelle abitazioni dei pregiudicati albanesi hanno consentito di rinvenire un altro passamontagna ed un paio di guanti identici a quelli rinvenuti sul mezzo. Gli arrestati sono stati condotti nel carcere di Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.






Questo è un articolo pubblicato il 17-05-2013 alle 14:06 sul giornale del 18 maggio 2013 - 4371 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, carabinieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/M6i





logoEV
logoEV
logoEV