statistiche accessi

Gara di solidarietà per Chanel: la piccola si sottoporrà ad un intervento chirurgico

Chanel Bocconi 2' di lettura Senigallia 13/05/2013 - La macchina della solidarietà per la piccola Chanel ha ormai varcato i confini senigalliesi. Si sono moltiplicate come funghi le iniziative legate alla raccolta di fondi per consentire alla bimba di due anni affetta da fibromatosi di potersi sottoporre alle cure salva-vita negli Stati Uniti.

Da quanto i genitori Viviana e Simone hanno reso pubblica la storia della piccola, che vive con la sua famiglia a Vallone, si sono susseguite decine e decine di iniziative e di raccolte di denaro per poter aiutare la piccola. La prima bella notizia è che in un mese la raccolta fondi è iniziata nel migliore dei modi. Una bella cifra ma ancora lontana da quella necessaria per consentire a Chanel e alla sua famiglia di intraprendere il viaggio negli Usa e soprattutto le cure.

“Siamo commossi per le tante dimostrazioni di affetto e sensibilità mostrate verso il nostro caso -commenta la mamma Viviana- ci stiamo impegnando al massimo perchè la nostra è una lotta contro il tempo”. L'atroce scoperta della rara forma tumorale che ha colpito Chanel è arrivata quando la piccola ha iniziato a camminare. Notando che zoppicava, i genitori eseguito numerosi controlli fino a che all'Ospedale Rizzoli di Bologna non è arrivato il tremendo verdetto. La piccola è affetta da fibromatosi, una rara forma tumorale, che sta portando Chanel verso la paresi.

“Da varie ricerche siamo riusciti a scoprire che a Boston c’è il Children's Harvard Hospital che ha una cura per questa malattia -aggiunge Viviana- abbiamo inviato la cartella clinica di nostra figlia all'ospedale e preso i primi contatti”. Il viaggio in America però non potrà avvenire prima della fine dell'estate. Per due motivi. Anzitutto perchè prima occorre raggiungere la cifra di circa 300 mila euro necessari a coprire le spese e le prime terapie. Inoltre prima di andare a Bosto la piccola dovrà essere sottoposta ad intervento chirurgico. “L'urgenza è quella di scongiurare la paresi -conclude Viviana- e per questo il 22 maggio Chanel sarà ricoverata al Rizzoli di Bologna e sottoposta ad un intervento agli arti. Se tutto andrà bene e solo dopo la riabilitazione potremo pensare alle prime cure in America. Purtroppo poi c'è anche l'aspetto economico perchè servono diverse centinaia di migliaia di euro e senza quella cifra non possiamo muoverci”.

Per la raccolta fondi per Chanel è stato aperto anche il conto IBAN: IT 33 O 03075 01603 CC8000501923 Banca Generali.






Questo è un articolo pubblicato il 13-05-2013 alle 23:50 sul giornale del 14 maggio 2013 - 2113 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, Chanel Bocconi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/MT0