statistiche accessi

Arcevia: Laura Boldrini, 'Mancanza di lavoro nemico principale della libertà'

Laura Boldrini 2' di lettura 05/05/2013 - Da "marchigiana e antifascista" la presidente della Camera Laura Boldrini non ha voluto mancare alle celebrazioni del 69° anniversario dell’eccidio nazista di Monte Sant’Angelo di Arcevia.

Ad accoglierla, c’erano i sindaci dei Comuni dell'intera vallata, a partire dal sindaco di Arcevia Andrea Bomprezzi che l'ha invitata, diversi parlamentari e sopratutto tanta gente. "La Costituzione - ha esordito la Boldrini nel suo discorso in piazza - è nata anche qui, ad Arcevia, perchè in questo luogo tanti ragazzi scelsero la Resistenza e combatterono per la libertà degli italiani". Democrazia che va custodita, a partire dalla difesa del lavoro.

La presidente della Camera si è detta convinta che "il nemico principale della libertà sia la mancanza lavoro". "Quando la crisi sociale produce disoccupazione e quest’ultima disperazione - ha detto la Boldrini - si creano le condizioni per il sostegno popolare ad avventure autoritarie di vario segno. Accadde così con il fascismo, che fece leva sulla disoccupazione di massa successiva alla seconda guerra mondiale. Accadde così con il nazismo, risposta totalitaria alla grande crisi del ‘29. Sta accadendo ora, in diverse parti d’Europa, con l’insorgenza di movimenti neonazisti e xenofobi".

Laura Boldrini è poi passata ad altro, elogiando la proposta di una task force contro il femminicidio avanzata dalla neo ministra Josefa Idem. "Penso - ha detto - che sia una misura che dovrebbe essere messa in atto il prima possibile, perchè la situazione in Italia purtroppo da questo punto di vista è grave". La presidente della Camera inoltre ha fatto sua la battaglia dei comitati cittadini e delle associazioni ambientaliste per la salvaguardia dell'area di Monte Sant'Angelo, luogo simbolo della Resistenza nelle Marche. La Provincia di Ancona vorrebbe infatti aprire nella zona un nuovo bacino di estrazioni.

"Questa montagna è uno dei memoriali più importanti della Resistenza. Per questo ritengo che il territorio di Monte Sant'Angelo non debba essere violato da alcuna attività economica e industriale, ma debba essere conservato come luogo di valore storico e valorizzato dal punto di vista paesaggistico e culturale", ha affermato Laura Boldrini.






Questo è un articolo pubblicato il 05-05-2013 alle 21:05 sul giornale del 06 maggio 2013 - 1748 letture

In questo articolo si parla di arcevia, attualità, Laura Boldrini, resistenza, marco vitaloni, monte sant'angelo di arcevia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Mzj





logoEV
logoEV
logoEV